Con G-tag basta oggetti smarriti

G-tag_GigasetSmarritori” seriali o non, tutti, prima o poi, perdiamo qualche cosa.
Ne è consapevole Gigaset, che elaborando dati e statistiche assicurative, ha portato all’attenzione i dati dell’inglese Esure, secondo cui trascorriamo, mediamente, almeno 15 minuti al giorno alla ricerca di chiavi, occhiali, portafogli, telefoni e altri oggetti temporaneamente (si spera) smarriti.

Decisa a porre rimedio a uno spreco di tempo che, spalmato nell’arco di una vita, equivarrebbe a un totale di ben 38 giorni buttati letteralmente al vento, il fornitore tedesco specializzato nell’area della Communication technology ha presentato G-tag, un marcatore Bluetooth di ultima generazione attivabile scaricando da Google Play o iTunes Store l’omonima App gratuita Gigaset che cerca, tiene d’occhio e trova tutti gli oggetti ai quali è collegato.

Installabile su tutti i dispositivi mobili con Android 4.4.2 e iOs 7 e superiori, la tecnologia Bluetooth 4.0 Ble di cui G-tag è dotato mantiene una connessione permanente con gli oggetti desiderati con un raggio d’azione fino a 30 metri.

Grazie alle funzioni ricerca, sorveglia, trova, ricorda e lancia un allarme, il dispositivo permette, per esempio, di trovare dove abbiamo parcheggiato la nostra auto o ci ricorda cosa portare con noi quando usciamo di casa allertandoci per tempo quando un oggetto “taggato” esce dal raggio Bluetooth del device cui è collegato, indicandoci che lo stiamo dimenticando o, peggio, ce lo stanno rubando.

In questo modo, che siano le chiavi o il computer portatile, la bicicletta piuttosto che il portafogli, il passeggino, la machina fotografica o quant’altro, l’idea di fondo promossa dal settore “Convenient Living” di Gigaset è che tutto può essere dotato di un G-tag, disponibile nei colori nero, bianco, rosso, verde e arancione, e risultare a portata di mano, esattamente dove vogliamo che sia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here