Con Connected Police Officer la Pubblica Sicurezza è 2.0

Motorola_Solutions_Logo_2014Intenzionata a sviluppare e testare anche per la regione Europea i sistemi connessi per gli agenti di Pubblica Sicurezza, già in uso negli Stati Uniti, Motorola Solutions ha presentato anche da noi il concept Connected Police Officer.
Utilizzato per collegare gli agenti di polizia alla sala di controllo, il sistema promette una maggiore sicurezza ed efficienza in azione.

Proponendo il concetto di una rete di connessione “cucita addosso”, il Connected Police Officer unisce insieme comunicazioni voce e video e individua automaticamente i dati provenienti da diversi sensori indossati dall’agente di polizia e connessi via Bluetooth alla radio collegata alla rete e ai dispositivi abilitati a operare via Lte.

Il sistema interpreta le condizioni in cui si trova l’utente nell’ambiente che lo circonda e si attiva proattivamente per fornire informazioni tempestive per un’esperienza personalizzata e appropriata a seconda delle specifiche esigenze del momento.
Il tutto finalizzato a migliorare la gestione della situazione, il controllo e la risposta da parte dei colleghi.

Dotati di heads up display, sugli smartglasses Recon è, poi, possibile visualizzare icone semplificate, che indicano cambiamento di canale e volume, esaurimento e basso livello della batteria, messaggi in arrivo.
Inoltre, l’eventuale registrazione delle immagini può essere attivata dall’utente o dal centro di controllo, mentre la trasmissione video avviene in tempo reale grazie al palmare Lex755 mission-critical Lte di Motorola Solutions.
Quest’ultimo offre connettività radio a banda larga, form factor robusto, applicazioni dati e un’interfaccia utente a risposta rapida.

L’ecosistema applicativo include, inoltre, streaming video, Computer aided dispatch, push-to-talk unificato, verbali elettronici, reportistica e cattura di dati per consentire una connessione con la sala di controllo attraverso il Motorola Solutions Intelligent Data Portal (Idp).

A completamento del concept, una cintura intelligente dotata di sensori viene attivata in risposta a determinate azioni, come l’estrazione dalla fondina della pistola, e attiva la trasmissione del video dell’azione in corso e la posizione geografica all’Idp.
Il tutto, sottolineano da Motorola, anche in combinazione con il monitoraggio delle attività e dei parametri biometrici personali. In questo caso il sistema invia un alert automatico alla sala di controllo quando l’attività monitorata supera i normali parametri operativi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome