Come curare lo skill shortage

Attrarre e trattenere personale qualificato è possibile. Intervenendo correttamente sugli aspetti retributivi, mostrando per tempo le prospettive di carriera e gli strumenti per una crescita professionale. Parola di Assintel

L'undicesima edizione dell'indagine retributiva a cura
di Assintel ha evidenziato un quadro di luci e ombre in cui l'offerta in
determinati settori del mercato del lavoro di casa nostra risulta sensibilmente
inferiore alla domanda. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la
problematica ormai nota con il nome di skill shortage, o carenza di personale
qualificato, non investe esclusivamente le nuove professionalità legate al Web,
bensì tutte le figure che ruotano attorno alla produzione del software, come gli
analisti  e i programmatori, gli addetti allo sviluppo, ma anche i
commerciali.
Nonostante la mancanza di personale competente sia indicato come
il maggior fattore frenante la crescita delle imprese del settore It, e come il
maggior ostacolo alla diffusione di un'economia digitale, la stessa Assintel
sottolinea una serie di aspetti che andrebbero considerati. Tra questi, assumono
valenza significativa fattori come la retribuzione, le prospettive di carriera e
di crescita professionale da realizzarsi sotto forma di corsi di aggiornamento
per i propri collaboratori. Tutti elementi presi in considerazione dalle 83
aziende variamente distribuite sul territorio italiano, che hanno preso parte
alla rilevazione Assintel inerente le retribuzioni del mese di novembre 2000.
Tra i dati più rilevanti, l'elevato turnover che ha interessato tutte le imprese
del campione, e un'ulteriore conferma del fenomeno indagato. Secondo Assintel,
infatti, tutte le aziende partecipanti all'indagine sarebbero interessate
all'assunzione di nuove figure professionali, che verrebbero "attratte" tramite
forti investimenti nell'aggiornamento delle proprie competenze e da benefit di
varia natura, quali l'autovettura, l'assicurazione integrativa infortuni, il pc
portatile e il telefono cellulare.


 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here