CityTree, l’arredo urbano che combatte l’inquinamento

Arriva dalla Germania una possibile soluzione per coniugare l'arredo urbano con la necessità di ridurre il tasso di inquinamento nelle grandi città.

Si tratta di CityTree, una sorta di rivisitazione del concetto di albero che vuole mantenere il potere di risanamento ambientale delle piante unendolo ad aspetti più tecnologici in stile Smart City.

CityTree nasce dallo sviluppo di Green City Solutions, società di Berlino nata nel 2014 proprio per progettare soluzioni per l'assorbimento di sostanze potenzialmente dannose per l'uomo come il particolato, l'anidride carbonica e l'ozono.

CityTree è in sostanza un pannello di quattro metri per tre profondo 60 centimetri, che contiene sia piante in vaso sia una coltivazione di muschi. Insieme, piante e muschi riescono ad assorbire l'equivalente di 240 tonnellate di CO2 l'anno, circa quello che assorbirebbero 275 alberi naturali. Occupando ovviamente molto meno spazio.

Un altro vantaggio di CityTree rispetto agli alberi naturali è che richiede meno manutenzione. Integra infatti alcuni sensori per valutare costantemente lo stato di salute delle sue piante ed è dotato di pannelli solari e di un sistema per la raccolta dell'acqua piovana che lo rendono quasi autosufficiente.

Inoltre CityTree è più adattabile alle esigenze di comunicazione e servizi degli spazi urbani. Può integrare display LCD, comunicare informazioni con sistemi come i QR Code o RFID, realizzare coperture WiFi integrando un hotspot. Ma può anche più semplicemente essere usato (anche) come panchina o come supporto per il parcheggio e la ricarica di biciclette.

Tra le città che hanno deciso di adottare CityTree c'è anche Modena. Il capoluogo emiliano ha avviato, in collaborazione con il consorzio pubblico-privato Proambiente, un progetto per l'installazione di sei CityTree in alcune strade particolarmente trafficate. L'obiettivo è valutarne l'efficacia lungo un periodo di due anni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here