Cinque tablet e nuovi Ultrabook e Convertible nell’offerta Hp

Windows 8.1 e Android al cuore delle ultime proposte di casa Hp, che mostra di credere molto nel commitment verso i nuovi form factor.

Il mercato dei personal computer, si sa, sta arrancando ed HP
- nella sua veste di primo produttore mondiale - corre ai ripari
dimostrando di credere molto in un suo impegno nel segmento dei
convertibili e dei tablet. La società ha presentato infatti cinque nuovi tablet anche se il più promettente, lo Slate 7 Extreme non è prodotto direttamente trattandosi di un Nvidia Tegra Note rimarcato.
Il
pennino in dotazione con lo Slate 7 Extreme offre la possibilità di
interagire con il device in modo estremamente fluido e preciso. Il
motore computazionale fotografico sviluppato da Nvidia consente di
registare video in modalità slow motion e di catturare istantaneamente immagini HDR che permettano di esaltare le differenze tra le aree più chiare e quelle più scure senza perdere alcun dettaglio.
Il
supporto per lo speciale controller di gioco Nvidia consente di
collegare il tablet alla TV quindi di interagire con il dispositivo in
modalità remota, utilizzando qualunque controller Bluetooth compatibile.
Il device, basato sul sistema operativo Android, dovrebbe costare 199
dollari.

In termini di risoluzione, però, fa meglio lo Slate 8 Pro:
equipaggiato con uno schermo da 7,9 pollici, permette di raggiungere
una risoluzione da 1.600x1.200 pixel (contro i 1.280x800 pixel dello
Slate 7 Extreme) con lo stesso rapporto 4:3 che contraddistingue i
tablet di Apple. Anch'esso basato su Android, bisognerà però verificarne
il prezzo: il Nexus 7 di Google che viene venduto a 229 euro anche in
Italia è davvero un osso duro.

Sul versante Windows, invece, HP propone il nuovo slate Omni 10 costruito attorno ad un processore Bay Trail di Intel. Dotato di 2 GB di RAM, 128 GB di SSD, fotocamera da 8 Megapixel, connettività Wi-Fi, display 1080p.

Completano la nuova offerta lo Slate 7 HD e lo Slate 10 HD:
si tratta di due tablet che non superano la risoluzione di 1.280x800
pixel e che sono basati sul processore di fascia bassa Marvell PXA986
con supporto per la connettività 3G integrato. Due sostituti a costo più
contenuto per l'originale Slate 7 di HP.

Contemporaneamente, HP ha presentato anche il nuovo Spectre 13 Ultrabook,
un portatile costruito con una solida scocca in alluminio che integra
un touchscreen 1080p. A listino lo stesso dispositivo viene offerto
anche nella versione che presenta uno schermo in grado di offrire una
risoluzione 2.560x1.440 pixel QHD.
Grazie all'utilizzo di un
processore Intel Haswell, HP garantisce un'autonomia della batteria pari
a nove ore di lavoro. L'innovativo touchpad di Synaptics è di
dimensioni più ampie ed è caratterizzato da tre zone ben distinte in
modo da facilitare l'interazione con Windows 8.1 (in questo modo alcuni
gesti non potranno essere confusi con altri).
Il prezzo dello Spectre 13 dovrebbe aggirarsi intorno ai 1.000 dollari.

I nuovi Pavilion 11 x2 e Pavilion 13 x2 sono invece due convertibili:
tablet che si trasformano in notebook grazie alla tastiera rimovibile.
Il primo, dotato di display da 11,6 pollici, usa un processore Intel Bay
Trail mentre il secondo (con schermo da 13,3 pollici) sfrutta una più
performante (ma meno efficiente però dal punto di vista energetico) CPU
AMD A6. Entrambi vengono proposti con un drive SSD di dimensioni minime
pari a 64 GB. Il modello più costoso permette però il collegamento di un
capiente hard disk da 500 GB collegabile nella base.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here