Cinque semplici regole per proteggere il pc dalle botnet

Le suggerisce ZoneAlarm, divisione consumer di Check Point Software. Si tratta di normali consigli “del buon padre di famiglia”, comportamenti maldestri da evitare per far sì che, all’insaputa dell’utente, il PC diventi parte di una rete dedita all’acquisione fraudolenta dei dati sensibili.

Consapevole più di altri di quanto le botnet (le reti di computer infettati da malware per acquisire dati sensibili) siano una delle principali minacce per gli utenti che navigano su Internet,  ZoneAlarm ritiene che le regole da seguire per cautelarsi siano poche e chiare.

Il primo consiglio della divisione consumer di Check Point Software è di assicurarsi di avere installati sulla propria macchina uno o più software con funzioni di antivirus, antispyware, e firewall finalizzate a rilevare ogni possibile virus e prevenire che il pc venga infettato.

La seconda regola d'oro è attuare aggiornamenti costanti, così da avere le patch di sicurezza più recenti e i sistemi operativi liberi da possibili bug.

Per chi vuole tenersi alla larga da una rete di computer online in grado di trasferire in maniera segreta informazioni, come dati personali o informazioni sulla propria carta di credito, ad altri computer, navigare in maniera “intelligente” è una condizione dalla quale non si può prescindere. Occorre, dunque, evitare di cliccare su link insoliti che potrebbero essere truffe di phishing e non cadete in tranelli che invitano a installare programmi sconosciuti.

Per hacker che sanno il fatto loro, installare malware accedendo ad account protetti in maniera insufficiente con password deboli è letteralmente un gioco da ragazzi. Bisogna, quindi, creare password forti che alternano lettere maiuscole e minuscole, simboli e numeri per evitare di veder svelati i propri codici.

Infine, siate cauti con le periferiche esterne o le chiavette USB che sono già state inserite in altri computer che, se corrotti, potrebbero infettarvi o viceversa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here