CicerOn, la realtà virtuale per la sindrome di Asperger

La realtà virtuale fa un passo avanti nel mondo della Sanità grazie all’accordo firmato tra Indra, società di consulenza e tecnologia, Fondazione Universia, che promuove l’istruzione superiore inclusiva e l’acceso delle persone disabili ai posti di lavoro qualificati, e U-tad, primo centro universitario in Spagna specializzato al 100% nella formazione in aree che integrano la catena del valore dell’economia digitale. L’intesa ha per oggetto la creazione di una cattedra di ricerca in tecnologie accessibili, il cui primo progetto è CicerOn Vr speech coach. Si tratta di un’applicazione che, attraverso tecniche immersive di realtà virtuale, consentirà ai soggetti con sindrome di Asperger di allenarsi nell’interagire con altre persone e nelle attività di public speaking.

L’applicazione consentirà agli utenti di interagire con avatar virtuali attraverso tecniche di gamification, dinamiche di gioco in ambienti non ricreativi. Sono previsti diversi livelli di difficoltà, ai quali si andranno man mano a incorporare interazioni, interruzioni, rumori che permetteranno all’utente di poter migliorare il contatto e la comunicazione con il pubblico.

Il coinvolgimento delle università

Per facilitare l’utilizzo dell’applicazione è previsto che possa essere utilizzata con occhiali stereoscopici e, soprattutto, con uno smartphone. Altra opzione è di poter accedere grazie a un telecomando e un dispositivo di realtà virtuale in grado di creare un ambiente virtuale più realistico più simile al videogioco che a un sistema di training terapeutico. Nel progetto saranno coinvolte anche le associazioni di Asperger spagnole, che offriranno supporto e daranno consigli sulle linee guida da seguire con i pazienti affetti dal morbo e sulla sua evoluzione sociale, mentre sarà promossa la partecipazione, in alcune fasi del progetto, di studenti con disabilità, ossia i membri della community universitaria U-tad, che parteciperanno al progetto non solo nella valutazione del sistema ma anche come sviluppatori. CiceerOn, però, grazie alle capacità di coaching all’interno della realtà virtuale, potrà essere utilizzato anche da persone poco abituate al public speaking, ma che vogliano migliorare le proprie capacità comunicative.

Di realtà virtuale e aumentata e medicina abbiamo scritto anche qui

La realtà aumentata punta sulla Sanità

Smart Health, la cyberterapia del Monaldi e dell’Auxologico

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here