Cgia Mestre, nei contratti 2013 rispettati i nuovi tempi di pagamento

Secondo un sondaggio condotto su un campione di 800 piccole imprese, circa il 90% dei nuovi contratti stipulati dall’1 gennaio di quest’anno prevede la forma scritta con il rispetto dei termini di pagamento massimi previsti dalla nuova legge.

A poco più di un mese dall'entrata in vigore del Dlgs 212/2012 sui tempi di pagamento, la Cgia di
Mestre
ha commissionato a Panel Data un sondaggio su un campione di 800 piccole
imprese per fare il punto sulla situazione.

Con la nuova normativa entrata in vigore dal 1° gennaio di quest'anno, quasi tutti i nuovi contratti
stipulati nel primo mese del 2013 (93% del totale degli intervistati) prevedono per iscritto i tempi di pagamento. In buona sostanza tutti gli intervistati
(100%) che hanno sottoscritto
un contratto con la Pa hanno definito tempi di pagamento entro
i limiti previsti dalla nuova legge (60 giorni).

Prima dell'entrata in vigore del Dlgs 212/2012, solo il 55,6% dei contratti stipulati da
Asl, Province e Amministrazioni comunali, e così via prevedeva il saldo fattura entro 60 giorni (il 16,7% a 30 giorni e un altro 38,9%
a 60)
.

Infine, l'81,4% delle aziende intervistate
che lavora con la Pubblica amministrazione
ha dichiarato che nei vecchi contratti stipulati prima del 1° gennaio 2013, il
committente (sia esso lo Stato, l'Asl o un'Amministrazione
comunale) non si è reso
disponibile a rivedere al ribasso i tempi di pagamento, così come previsto dal Dlgs

Anche in questo caso, tutte le aziende (89% di quelle che hanno sottoscritto
un nuovo contratto dopo il 1° gennaio) hanno indicato nel contratto (nel 100% dei casi)
che il pagamento avverrà entro 60 giorni, mentre nei vecchi contratti stipulati prima dell'inizio del 2013 “solo” nel 62,2% dei casi veniva riportata la scadenza di
pagamento entro i 60 giorni. Infine, l'85,6% dei committenti privati che lavora con
un'altra azienda ha deciso di non rivedere gli impegni di pagamento già stipulatinegli anni scorsi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here