CeBIT 2017: le innovazioni nel Software defined Storage di DataCore

DataCore Lenovo DX8200D

DataCore Software presenta al Cebit 2017 i principali sviluppi dei suoi Hyper-converged Virtual SAN SANsymphony Software-Defined Storage e Parallel I/O Processing Software. In questo senso, la novità principale è la cooperazione strategica tra DataCore e Lenovo, nata con l’obiettivo di semplificare e ampliare la diffusione sul mercato di queste tecnologie. Le due società hanno creato congiuntamente nuove soluzioni di Software-defined Storage che uniscono le rispettive offerte in appliance completamente integrate. Il tutto si è tradotto nella linea Lenovo Storage DX8200D Powered by DataCore.

Questa appliance di Software-defined Storage (SDS) pronta all’uso sfrutta la piattaforma server di Lenovo e il software SANsymphony di DataCore Software per la virtualizzazione avanzata dello storage e per l’ottimizzazione dell’I/O parallelo multi-core. Lenovo offrirà DX8200D come appliance pre-integrata, garantendo una notevole semplificazione dell’installazione e la riduzione delle spese di gestione, mettendo a disposizione al contempo un unico punto di supporto. L’appliance SDS dotata dei servizi avanzati di Software-defined Storage di livello enterprise e di funzionalità di elaborazione parallela permette di implementare rapidamente nei data center una soluzione chiavi in mano in grado di sfruttare al meglio le batterie SAN esistenti. In più, può ottimizzare infrastrutture di storage eterogenee, permettendone la scalabilità in base alle esigenze e semplificando la sostituzione delle batterie di storage più vecchie. Attraverso l’interfaccia centralizzata DataCore, la DX8200D offre protezione, replica, deduplica e compressione dei dati, oltre a numerose altre funzionalità di storage enterprise a un prezzo molto più basso delle batterie SAN tradizionali.

DataCore proporrà anche degli aggiornamenti all’interno dei nuovi Product Service Pack (PSP), ulteriori sviluppi del software di elaborazione parallela basati sull’esclusiva tecnologia Adaptive Parallel I/O di DataCore e un portfolio prodotti allargato con l’introduzione di nuovi nodi di storage “bulk”. Questo nuovo modello di licenze è stato specificamente pensato per una conveniente protezione e archiviazione a lungo termine dei dati utilizzati raramente e sarà disponibile tramite i partner di canale a una frazione dei costi software delle soluzioni per ambienti di produzione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here