C’è Steve Jobs al telefono che chiede di te

Il caso della App rifiutata da Apple e poi accettata: quando il Ceo tira su la cornetta senza indugio.

Un divertente e illuminante caso segnalato dal blog tecnologico del Seattle Times riguarda Steve Jobs e un'applicazione per iPad.

È accaduto che uno sviluppatore, Ram Arumugam, deluso dal fatto che la sua App fosse stata rifiutata da Apple ha scritto due mail: una al servizio di revisioni della società, l'altra al Ceo, Steve Jobs.
Due ore dopo ad Arumugam squilla il telefono. Dall'altra parte del filo c'è Steve Jobs che dice: “ho letto, affrontiamo la questione”.
In sintesi, la App era stata rifiutata perché conteneva una parte di codice non pubblico. Una Api privata che Arumugam ha spiegato a Jobs di avere usato per aggirare un problema di visualizzazione.

Chiaritisi i due, il problema è stato risolto, l'Api è stata rimossa e l'applicazione, “Economy for iPad”, inerente le statistiche macroeconomiche statunitensi, è diventata in breve tempo la più acquistata in America nella categoria Finanza.

Per la cronaca Arumugam, che è di Seattle, dopo aver lavorato in Microsoft ha creato una piccola società, che dirige, Cascade Software, dedita prevalentemente allo sviluppo di App.
Il rapporto, quindi, è stato fra Ceo a Ceo. Ma quanti amministratori delegati avrebbero fatto lo stesso, per di più per un oggettino che costa 2,99 dollari al pezzo?

Tu chiamale se vuoi mediazioni. Sapienti però.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here