C’è la nuvola nel futuro delle aziende

Secondo gli ultimi dati presentati da Idc, entro i prossimi cinque anni i servizi cloud finiranno per superare quelli tradizionali, raggiungendo un giro d’affari di 44,2 miliardi di dollari, pari al 10% della spesa It complessiva nel 2013, con una cres …

Secondo gli ultimi dati presentati da Idc, entro i prossimi cinque anni i servizi cloud finiranno per superare quelli tradizionali, raggiungendo un giro d'affari di 44,2 miliardi di dollari, pari al 10% della spesa It complessiva nel 2013, con una crescita media annua del 26%.

Alla fine di quest'anno, delinea uno studio della società di ricerca, che, va detto, non prende però in esame le reti private, i servizi cloud genereranno un giro d'affari di 17,4 miliardi di dollari, il 49% dei quali ad appannaggio del comparto applicativo, il 20% dell'infrastruttura software, il 12% dei server, il 10% dello sviluppo e deployment applicativo e il 9% dello storage.

Entro il 2013 si assisterà a una crescita del peso specifico dello storage (che raggiungerà il 14%), dello sviluppo applicativo (13%) e dei server (15%), con un conseguente ridimensionamento dell'area applicativa, destinata a scendere al 38%.

Idc tiene però a fare una precisazione importante. Questi dati vanno analizzati con estrema attenzione, poiché di primo acchito potrebbero indurre a pensare che in fondo si tratti di una crescita relativa, dal momento che tra 4 anni il 90% della spesa It potrebbe essere ancora indirizzato verso formule tradizionali di investimento.

Così non è, e la precisazione iniziale, che di sole reti pubbliche si tratti, introduce un distinguo fondamentale. La tendenza in atto punta a una crescita esponenziale delle nuvole private, cosa che inevitabilmente porterà a un impatto dei servizi cloud decisamente superiore rispetto a quanto la sola analisi delle reti pubbliche possa far presagire.

In considerazione di tutto ciò, Idc non manca di rilasciare qualche consiglio alle società di servizi. Le aziende che non saranno in grado di ritagliarsi un proprio posizionamento sul fronte cloud in tempi rapidi, rischiano di perdere importanti opportunità in uno dei segmenti di mercato con i tassi di crescita più promettenti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here