Byoid: l’identità social è un asset

Uno studio commissionato da CA Technologies e completato dal Ponemon Institute alla fine dello scorso giugno ha coinvolto 3.115 persone fra professionisti It e di business in Nord America, Brasile, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, India e Australia sul tema del valore delle identità digitali. Gli intervistati provenivano da aziende con più di 1.000 persone.

La ricerca mostra che tanto le linee di business quanto i dipartimenti It attribuiscono valore alle iniziative di Bring Your Own Identity (Byoid), ossia quelle in cui il social networking o gli Id digitali sono utilizzati per l'accesso alle applicazioni.

Le iniziative di Byoid tramite Id sociali sono ancora nella fase iniziale, ma l’interesse è alto. Si è attenti agli account Facebook, LinkedIn o Yahoo in tutta Europa, con una media del 50% nelle posizioni It e del 61% in quelle business.

La percentuale di valore più alta la dà l'Italia, con il 55% dei professionisti It e il 69% degli utenti business, la più bassa la Francia, con, rispettivamente, il 47% e 51% rispettivamente.
I professionisti It nel Regno Unito, Francia e Germania concordano sul fatto che il più grande vantaggio che le identità digitali possono portare alle loro organizzazioni è dato dal rafforzamento del processo di autenticazione (con il 73%, il 78% e il 63% rispettivamente).

Clienti e marketing

In Italia si pensa che queste iniziative possano dare una migliore esperienza del cliente (60%) come anche alla razionalizzazione delle operations e della logistica (58%).Gli utenti aziendali di tutta Europa concordano che fornire una migliore esperienza del cliente è il principale vantaggio, ad eccezione della Germania, dove l'80% degli utenti di business privilegia l'efficacia delle attività di marketing. Ciò indica una visione in evoluzione dell'identità.
Il processo di convalida delle identità è stato citato come una caratteristica che potrebbe contribuire ad aumentare l'adozione Byoid sia per l’It e gli utenti business in tutta Europa, con l'80% di consensi.

Per quanto riguarda il provider di identità ideale la valutazione cambia da regione a regione. Mediamente i professionisti It classificano PayPal come provider di identità preferito in Europa. A livello di utenti business si va da Amazon in Francia e in Italia, Microsoft Live in UK e Yahoo in Germania. Facebook e Google ha segnato il più basso per entrambi i gruppi in tutta Europa.
Come consumatori, invece, gli stessi intervistati (It manager) mettono Google in cima alla classifica, mentre per gli utenti business Facebook è preferito in Italia e in Germania, Amazon in Francia e Yahoo nel Regno Unito.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome