Business risk, ecco le “trappole” per i Cio

Un Cio su due in Italia ritiene che il rischio di business legato all’It non è gestito in modo coordinato.

Una ricerca patrocinata da Mercury, ha messo in evidenza il Tallone d'Achille rappresentato dall'It business risk.

Condotta dall'Economist Intelligence Unit (divisione di Economist), la ricerca ha inteso individuare le maggiori implicazioni di business dovute agli insuccessi dell'It e le posizioni di business in azienda maggiormente esposte a tali insuccessi.

Il report intitolato, “Managing It Business Risk: Safeguarding the Organization from It Failure” è basato su una ricerca globale che ha coinvolto oltre 1.000 It executive di 22 paesi degli Stati Uniti, Asia-Pacifico, Europa e Medio Oriente.

La ricerca afferma che l'incapacità di far fronte all'It business risk può pregiudicare il raggiungimento dei risultati di business, prospettando così potenziali zone d'ombra per i Cio e i responsabili It di tutto il mondo.

Il report fornisce uno spaccato di come le aziende di tutto il mondo definiscono l'It business risk, individua chi è il responsabile della gestione dei rischi di business legati all'It, e conferma che l'approccio e le strategie adottate dalle aziende a livello globale aiutano a prevenire gli insuccessi e i problemi dell'It, evitando così il non raggiungimento dei risultati di business.

Per quanto riguarda l'Italia, la ricerca ha detto che il 47 percento delle aziende italiane lamenta che l'It business risk non venga gestito in modo coordinato;

È emersa anche la necessità di garantire conformità alle normative insieme alla riduzione dei costi operativi risultano le aree dove i risultati di business vengono ritenuti strettamente dipendenti dall'It.

Il 71 percento delle aziende italiane, poi, è convinto che non più del 50%delle iniziative It negli ultimi due anni ha ottenuto risultati di business positivi, e questo risultato è il peggiore in Europa.

Nuove iniziative It in ambito Soa, outsourcing e sicurezza vengono stimate dagli It executive italiani come le più rischiose da un punto di vista di business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here