Cos’è Blockstack, la nuova Internet ispirata a blockchain

Internet sito web

Nella sua concezione originaria Internet è una infrastruttura fortemente decentralizzata, progettata esplicitamente per trasferire dati anche in caso di caduta di uno o più dei suoi nodi.

Nei decenni successivi le cose però sono cambiate e oggi Internet vede la presenza di molti punti critici. Il web non funziona senza i server DNS, la logica applicativa dal web 2.0 in poi rende dipendenti da server remoti che eseguono funzioni e memorizzano dati. Non è un bene, secondo i sostenitori del progetto Blockstack e blockchain può aiutare a cambiare le cose.

In estrema sintesi, il progetto open source Blockstack prevede di decentralizzare usando blockchain alcuni componenti fondamentali del web.

Il sistema DNS è l’elemento da cui è partito il progetto ed è quello forse più significativo. Invece di far gestire la conversione tra nomi di dominio e indirizzi IP da alcuni server centralizzati, il progetto prevede la memorizzazione dei nomi di dominio e degli indirizzi IP in blockchain decentralizzate che sono replicate sulle macchine degli utenti o perlomeno nelle loro reti.

DNS e BNS a confronto

In questo modello - il BNS, o Blockchain Name System - le informazioni “da DNS” sono decentralizzate e replicate per tutta una rete peer-to-peer (la rete Atlas, nel gergo di Blockstack). Così si elimina il punto debole legato alla vulnerabilità dei server DNS, che possono essere messi offline da attacchi mirati in modo da bloccare l’accesso a intere parti di Internet. La natura di blockchain garantisce l’affidabilità delle associazioni dominio-IP memorizzate in Atlas e il sistema prevede anche la gestione di certificati digitali evitando la centralizzazione delle Certificate Authority.

I dati a chi li produce

Il progetto Blockstack vuole anche evitare l’alto livello di controllo che i fornitori di servizi online hanno sui dati degli utenti. In questo senso il termine “fornitori” è generico e spazia dai social network come Facebook agli storage provider come Dropbox. Stavolta però non si può usare solo blockchain, perché come supporto per la memorizzazione dei dati è inefficiente.

La soluzione è Gaia, un sistema di storage distribuito che utilizza blockchain per memorizzare solo i puntatori ai dati stessi. Questi vengono conservati come ora sulle infrastrutture degli storage provider, non però come file in chiaro ma come “oggetti” cifrati che i provider non possono consultare o modificare (sempre grazie a blockchain).

Un esempio di rete Gaia

Nello scambio di informazioni con un generico servizio online come Facebook, i dati non sono più memorizzati esplicitamente sul servizio stesso. Lo scambio viene “intercettato” dalla rete Gaia che in maniera trasparente trasferisce sui sistemi degli storage provider, cifrandole nel contempo, le informazioni elaborate e da memorizzare.

I tre componenti di Blockstack (BNS, Atlas e Gaia) permetterebbero di realizzare una infrastruttura applicativa simile al web attuale. Certo le applicazioni web vanno riscritte in una nuova logica ed è per questo che il progetto ha di recente rilasciato i moduli che permettono agli sviluppatori di farlo. Data la popolarità di blockchain, il progetto non è da sottovalutare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here