Blockchain può garantire la catena del food

Le aziende hanno iniziato a testare la blockchain all'interno della catena alimentare globale. Perché questa tecnologia ha ottime potenzialità anche in questo campo.

È la tesi di Sharon Cittone, chief content officer di Seeds&Chips, secondo il quale il sistema alimentare globale è impantanato in normative concorrenti e spesso contraddittorie che differiscono per Stato, regione o paese e lungo la strada, non c'è nulla che dica cosa succede ai prodotti.

Il recente ritiro delle uova dall'UE è un perfetto esempio di questo dilemma: nel settembre  2017, quaranta paesi diversi hanno venduto uova contaminate dal pesticida Fipronil, che può essere nocivo se consumato in grandi quantità.

Sharon Cittone, chief content officer di Seeds&Chips

Mentre due persone nei Paesi Bassi sono state arrestate per il loro ruolo nello scandalo, la vera origine e causa della contaminazione rimane un mistero.

Blockchain può far controllare la vita del prodotto

E qui entra in scena la blockchain la cui applicazione alla catena alimentare significa che l'intero ciclo di vita di un prodotto può essere monitorato, registrato e protetto contro le interferenze o la corruzione in modo che quando raggiunge il piatto, si sa esattamente da dove proviene.

Più specificamente, vi sono più aree, spiega Cittone, in cui la tecnologia potrebbe migliorare significativamente il sistema alimentare globale.

Trasparenza e responsabilità. Tracciando un prodotto dal suo punto di origine fino al suo punto vendita, ogni mano che lo tocca viene rintracciata e segnala la sua partecipazione al ciclo di vita che si tratti di pomodori, alimenti per bambini o carne bovina. Se un richiamo deve entrare in vigore, gli organismi di regolamentazione possono identificare molto più rapidamente i punti lungo quel ciclo, indirizzare le loro richieste e trovare soluzioni definitive.

Monitoraggio delle migliori pratiche, origine e integrità della lavorazione. I prodotti che affermano di essere "dall' azienda alla tavola","biologici" o "commercio equo e solidale" abbondano sul mercato, ma non esiste un modo infallibile per garantire che queste etichette siano applicate legittimamente e che gli alimenti etichettati siano conformi a tali norme. Inoltre, i prodotti contraffatti causano enormi perdite sul mercato globale, non solo alle grandi imprese, ma anche ai piccoli agricoltori che cercano di garantire gli standard dei loro prodotti. Il tracking dell'olio d'oliva dal momento della raccolta delle olive dall'albero fino al loro imbottigliamento e la distribuzione in tutto il mondo potrebbe fare risparmiare miliardi di dollari l'anno e garantire la consegna del prodotto di alta qualità.

Accesso al mercato per i paesi in via di sviluppo. Poiché la catena di blocco è accessibile a chiunque abbia uno smartphone e una connessione a Internet, gli agricoltori e i produttori dei paesi in via di sviluppo possono partecipare alla catena alimentare globale alle proprie condizioni invece di affidarsi a conglomerati multinazionali per fare le loro offerte. Il commercio del cacao, che dipende in gran parte dai coltivatori di cacao dell'Africa occidentale, si traduce in bassi rendimenti per le persone che in realtà fanno il duro lavoro di coltivazione e raccolta. Se vogliamo davvero sostenere il "commercio equo e solidale", dobbiamo creare le condizioni in cui ciò possa effettivamente accadere.

Garantire gli standard internazionali del lavoro. Le condizioni di lavoro per i coltivatori di ortaggi nel sud Italia equivalgono alla schiavitù. Purtroppo, questo è solo un esempio di una popolazione vulnerabile i cui diritti non sono tutelati, mentre forniscono un servizio vitale per la sopravvivenza della popolazione mondiale. Costruire standard di lavoro nella blockchain è facile come l'inserimento di pochi codici informatici, e farli rispettare diventa una parte necessaria del prodotto come la coltivazione, il trasporto o l'imballaggio.

Applicazioni blockchain per il food

Le applicazioni di blockchain per il sistema alimentare stanno germogliando. Ripe.io, una startup che utilizza la catena a blocchi in agricoltura, è stata avviata da due ex finanzieri di Wall Street che credono nelle potenzialità della tecnologia. Il loro progetto pilota, nella Ward's Berry Farm fuori da Boston, traccia e documenta la catena di approvvigionamento dei pomodori. Monitorano la maturazione, il colore e il contenuto zuccherino di 200 pomodori su 20 diverse piante utilizzando sensori per registrare i fattori ambientali, tra cui luce, umidità e temperatura dell'aria. Sensori supplementari collocati nei secchi dove i pomodori vengono imballati per la distribuzione tengono traccia dell'umidità nei magazzini. Ripe ha anche collaborato con Sweetgreen, un'azienda agricola di vendita in franchising di insalate, per monitorare i loro raccolti e distribuire tali informazioni agli agricoltori, distributori alimentari e ristoranti a cui consegnare. Il risultato è un prodotto di qualità superiore con una filiera tracciabile che può legittimamente definirsi fattoria a tavola.

La startup svizzera Ambrosus utilizza il protocollo blockchain per rintracciare uno dei prodotti più controversi e corrotti della catena di approvvigionamento, l'olio d' oliva. Il loro progetto ha tracciato la catena di approvvigionamento dell'olio e identificato soggetti interessati e i punti deboli del sistema, con un'ampia ricerca sui modi in cui l'olio d'oliva può essere etichettato e maneggiato in modo errato, con il risultato di un prodotto di scarsa qualità che si fa strada sugli scaffali dei supermercati di tutto il mondo. La frode è dilagante nell'industria dell'olio d'oliva, con circa il 70% dell' olio d'oliva venduto negli Stati Uniti contraffatto o adulterato. Questi casi di frode non sono solo dannosi dal punto di vista economico: nel 1981, l'olio d'oliva contraffatto venduto in Spagna ha causato migliaia di morti dopo che era stato adulterato con olio di colza di qualità industriale. A causa della mancanza di trasparenza nella filiera i colpevoli non sono mai stati trovati.

Ibm ha introdotto una piattaforma di blockchain completamente integrata e di livello enterprise attraverso la Ibm Cloud che permette agli utenti di accedere ai dati su qualsiasi numero di prodotti in pochi minuti. Utilizzando il software open source Hyperledger, Ibm ha testato una serie di progetti pilota in cui ogni membro partecipante ha un livello di controllo sulle transazioni, ma nessuno dei membri ha il controllo esclusivo. Finora la società ha fornito la sua piattaforma a oltre 400 aziende tra cui servizi finanziari, catene di fornitura e logistica, catene di vendita al dettaglio, governi e sistemi sanitari. Il consorzio per l'approvvigionamento alimentare comprende Dole, Nestle, Unilever e Walmart tra molti altri.

Il problema è che l’utilizzo della blokchain deve anche portare vantaggi in termini di business. Ripe per esempio non ha generato alcun reddito sul suo progetto pilota con la Ward's Berry Farm. E allora, oltre alla collaborazione di tutti c’è bisogno di dimostrare che anche le piccole e medie imprese possono ottenere un accesso maggiore al mercato solo grazie alla loro partecipazione al sistema.

Nelle sue prime fasi la tecnologia sembra incredibilmente promettente per agricoltori, distributori e consumatori. Ma se non riesce a garantire la qualità di un prodotto, o se non provoca meno contaminazioni alimentari, la gente continuerà a credere che abbia valore? Qualsiasi nuova idea o innovazione affronta questa sfida, ma nella catena alimentare globale la posta in gioco è sempre più alta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here