Blockchain diventa uno strumento di business collaboration

La sicurezza e il potenziale per migliorare le operazioni di sistema, riducendo al contempo i costi e creando nuovi flussi di reddito spingono blockchain verso le aziende in settori differenti.

Nel 2017, la tecnologia ha iniziato infatti a diventare un punto focale per molte industrie, come previsto da un'indagine condotta da Deloitte già nel 2016. Quel sondaggio online su308 dirigenti di aziende con un fatturato annuo pari o superiore a 500 milioni di dollari evidenziò che molti di loro collocavano blockchain tra le priorità più alte della loro azienda.

La comprensione della tecnologia e e l'impegno nei suoi confronti variano da un settore all'altro, ma la maggior parte dei manager le riconosce un carattere dirompente.

Le assicurazioni nel mirino di blockchain

Per esempio, i libri contabili distribuiti con blockchain possono essere utilizzati per eseguire automaticamente contratti commerciali. Il database peer-to-peer prima cattura tutti i termini e le condizioni tra un'organizzazione e i suoi clienti, quindi utilizza i dati raccolti attraverso nodi distribuiti o server per determinare quando tali condizioni sono state soddisfatte e il pagamento è autorizzato. Ibm, Aig e Standard Chartered Bank hanno appena annunciato un progetto pilota per razionalizzare uno dei tipi più complessi di polizze nel settore assicurativo: una polizza multinazionale.

Le tre società hanno creato una polizza master scritta nel Regno Unito, che include tre polizze assicurative locali negli Stati Uniti, Singapore e Kenya, in un "contratto intelligente" basato sulla tecnologia blockchain che fornisce una visione condivisa dei dati e della documentazione delle polizze in tempo reale.

La soluzione è strutturata in modo che più parti nella rete - tra cui broker, regolatori e revisori - possono collaborare in modo più efficace ed efficiente, spiega Ibm. La soluzione offre a tutte le parti una visione unificata dei dati e della documentazione relativi ai criteri e ai pagamenti, in modo da consentire loro di prendere decisioni aziendali informate sulla base di un insieme comune di dati affidabili.

Il rapporto di Deloitte ha evidenziato che i settori lifescience ed healthcare hanno i piani di implementazione più aggressivi per blockchain di qualsiasi settore, con il 35% degli intervistati che indicano i piani della loro organizzazione per implementare la tecnologia entro l'anno prossimo.

Il timestamping dei metadati

Il timestamping è il processo di avvolgimento di metadati o altre informazioni in un blocco di blockchain in corso, che crea un record immutabile o immutabile legato a tutto ciò che viene dopo nella catena. In pratica svolge la funzione di notaio. Così, l'azienda svizzera Gmelius ha creato un'applicazione Gmail Stamping che è essenzialmente un modo sicuro per verificare l'integrità di una e-mail utilizzando la piattaforma open-source blockchain di Ethereum. L'app di Gmelius è un'estensione del browser Chrome disponibile nel webstore di Google. Una volta scaricato, offre diverse funzionalità per gli utenti Gmail, tra cui la rimozione degli annunci Google, la pianificazione delle e-mail da inviare in date e orari successivi e il blocco dei mittenti per verificare se è stata letta la loro e-mail. Ma è la funzione di timbratura e-mail di Gmelius che sfrutta blockchain per autenticare l'origine di un messaggio elettronico.

Quando si preme send in Outlook, l'email originale - incluse le intestazioni, l'oggetto, il corpo e gli allegati - viene codificata usando lo schema di codifica binario-testo base64 e convertita in un hash usando l'algoritmo di hashing SHA2-512. L'e-mail viene quindi firmata utilizzando la chiave Rsa proprietaria a 512 bit di Gmelius. La crittografia dell'hash permette all'email di diventare parte di una transazione anonima ancorata ad un registro elettronico tramite la piattaforma open-source blockchain di Ethereum. L'applicazione basata su blockchain dimostra l'esistenza, l'integrità e la proprietà di qualsiasi e-mail inviata che permetterebbe di essere utilizzata per scopi aziendali, come i contratti legali. Questa primavera, Gmelius prevede anche di rilasciare un'applicazione basata su blockchain che permetterà agli utenti di firmare elettronicamente i documenti allegati alle e-mail utilizzando la funzione smart contract di blockchain.

Vendere energia attraverso le microreti con blockchain

Grazie a Blockchain, gli abitanti dell'area Park Slope di Brooklyn sono ora in grado di vendere l'energia generata dai pannelli solari sul tetto tramite una microrete abilitata da un registro a catena a blocchi che registra tutte le transazioni effettuate con un'azienda di servizi locali.

La microrete fisica, realizzata da Siemens Digital Grid Division, comprende sistemi di controllo di rete, convertitori, batterie agli ioni di litio e contatori elettrici intelligenti. In caso di un altro uragano come Sandy nel 2012, i residenti sulla microrete continuerebbero ad avere potere per un certo periodo - anche durante un blackout - in quanto potrebbero passare alle riserve di batteria.

Una microrete è una forma di generazione distribuita di energia che può funzionare indipendentemente dalla tradizionale rete elettrica regionale centralizzata; può consentire a città, piccole città o aziende di sviluppare le proprie fonti di energia e sistemi di stoccaggio di energia (tramite batterie agli ioni di litio o di flusso), distribuire l'energia e anche vendere l'eccesso di energia ai servizi pubblici locali.

Il database Brooklyn Microgrid è un sistema contabile basato sul web che utilizza la tecnologia crittografica per salvare i dati energetici in modo economico e a prova di falsificazione. La microrete di Brooklyn consente ai residenti di rivendere l'energia all'ente locale - un processo noto come "misurazione netta" - e a coloro che non dispongono di pannelli solari di acquistare crediti di energia verde dai loro vicini.

La piattaforma a catena lineare per la microrete è abilitata dall'avvio energetico LO3 Energy basato a Brooklyn. La stessa tecnologia blockchain consente agli utenti residenziali di energia solare di vendere l'eccesso di energia alle aziende di servizi pubblici può fare lo stesso per le imprese che cercano di abbassare i loro costi di energia elettrica.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here