Big data come soluzione per la lotta a malnutrizione e obesità

Marco Gualtieri, fondatore e presidente di Seed and Chips ha spiegato in un post l'importanza della raccolta dei dati scientifici per combattere le malattie legate all'alimentazione

Gli sviluppi scientifici e tecnologici, ha detto, non si ripercuotono solo sull'industria alimentare attraverso invenzioni o nuove combinazioni di sapori: le innovazioni nella raccolta di dati e la loro applicazione stanno cambiando il modo in cui consideriamo le malattie legate all'alimentazione e il loro effetto sui diversi paesi.

Per esempio, l'Institute for Health Metrics and and Evaluation (Ihme), un istituto di ricerca indipendente dell'Università di Washington, ha lavorato per oltre dieci anni per compilare il più grande database di informazioni sulla proliferazione delle malattie e la sua diffusione.

L'obiettivo è semplice: fornire "una misurazione rigorosa e comparabile dei problemi di salute più importanti del mondo e valutare le strategie utilizzate per affrontarli". Più informazioni sono disponibili sulle tendenze che le popolazioni sperimentano sia a livello nazionale che mondiale, più accuratamente ed efficacemente possono essere trattate.

Il sostegno della fondazione di Bill Gates

Il Global health data exchange (Ghdx), un catalogo creato e supportato da Ihme fornisce database completi su software open source, il che significa che chiunque sia interessato alla salute globale può accedere e ricercare malattie o malattie utilizzando criteri specifici. Il Ghdx fornisce anche informazioni su altri ricercatori che raccolgono dati in tutto il mondo in modo che attraverso il loro lavoro sulla base dati, possano entrare in contatto con istituti e individui i cui interessi convergono.

Attraverso il continuo sostegno della Gates Foundation, che ha recentemente concesso all' istituto 279 milioni di dollari per portare avanti il loro lavoro, l'Ihme è rimasto indipendente e in grado di fare il lavoro che lo rende uno strumento cruciale per la salute pubblica.

Come ha detto Bill Gates, "Ihme fornisce dati critici sulle tendenze sanitarie globali che possono aiutare i responsabili politici di tutto il mondo a individuare soluzioni migliori nella lotta contro le malattie".

La nutrizione non riguarda solo le nazioni in via di sviluppo. Prendiamo ad esempio, gli Stati Uniti: gli americani possono vivere più a lungo, ma la loro qualità di vita è sempre più influenzata da fattori di vita poveri come la dieta o la mancanza di esercizio fisico, secondo l'Ihme.

Infatti, la dieta malsana contribuisce a più di 650.000 decessi negli Stati Uniti ogni anno, a causa di malattie legate alla nutrizione e all'obesità come malattie cardiache, cancro e diabete di tipo 2. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno fornito 13 miliardi di dollari in aiuti allo sviluppo per la salute nel 2016, un dato inferiore per persona rispetto a molte economie comparabili.

Comprendere il modo in cui l'obesità si diffonde a livello globale e l'impatto che ha su altre forme di malattia e qualità della vita ci dà l'opportunità di ripensare il nostro sistema alimentare al più alto livello. Attraverso banche dati e istituti possiamo iniziare a considerare gli sforzi mirati per affrontare la malnutrizione sia nei paesi in via di sviluppo che in quelli sviluppati e mettere a punto strategie su misura per le circostanze specifiche di ogni popolazione.

Obesità e malnutrizione

L'Ihme è stato importante nel promuovere questi obiettivi, e il loro lavoro ha contribuito a evidenziare l'importanza dell'obesità, la malnutrizione e un programma globale di affrontare queste condizioni come cause alla radice di una minore aspettativa di vita e qualità. Il Global burden of disease study (Gbd) è una collaborazione di oltre 1.000 ricercatori provenienti da più di 120 paesi, attraverso l'Ihme e sponsorizzata dalla Fondazione Gates.

Questa collaborazione si è concretizzata in un programma di ricerca globale e regionale sul carico di malattia che valuta la mortalità e la disabilità delle principali malattie, lesioni e fattori di rischio. La Gbd utilizza queste informazioni per regolare l' anno di vita corretto per la disabilità, che è una misura utilizzata per calcolare la durata della speranza di vita influenzata da malattie, invalidità o morte precoce.

È qui che le banche dati di ricerca come il Ghdx e le applicazioni che l'Ihme propone sono così utili, e possono essere strumenti cruciali affinché gli innovatori agroalimentari adottino nel proprio lavoro. Il Ghdx è stato progettato per rendere chiare a chiunque le tendenze e le correlazioni sanitarie e fornire strumenti di riferimento che consentono di isolare o ampliare le ricerche su un numero qualsiasi di argomenti.

Se, ad esempio, si dovesse studiare l'aumento dell'obesità in Cina: uno sguardo al Ghdx è una guida visiva con disaggregazioni per sesso ed età con dati raccolti oltre 15 anni. Tuttavia, il Ghdx non solo classifica la prevalenza dell'obesità, ma analizza e correla questa condizione alla proliferazione di una miriade di altri problemi di salute e malattie, mappando quelle sulla diffusione dell'obesità. Pertanto, se si stesse studiando quello stesso aumento dell'obesità in Cina, si potrebbe poi scoprire che c'è stato anche un marcato aumento dell' incidenza di ictus tra gli uomini e diabete tra le donne, in particolare tra i 50-69 anni. L'accuratezza e la specificità del Ghdx rendono più facile che mai collegare i fattori legati allo stile di vita alla salute.

Come possono banche dati come il Ghdx e il Gbd informare e sostenere la crescita del settore agroalimentare? Le startup che lavorano sulla nutrizione di precisione potrebbero trovare una risorsa enorme in strumenti come questi, in quanto potrebbero lavorare per sviluppare prodotti, pratiche e strategie che utilizzano queste conoscenze e affrontarle direttamente.

Con l'obesità inizia a proliferare in tutto il mondo, offrendo tutto, dai palloncini gastrici agli stimolatori del nervo vago, non c'è fine al modo in cui la tecnologia può essere utilizzata. Tuttavia, la chiave potrebbe consistere nel portare cibo migliore a un maggior numero di persone e nel sostenere coloro che lottano per sfamare se stessi e la propria famiglia nel modo giusto. Poiché il divario tra ricchi e poveri continua a crescere, le conseguenze possono essere altrettanto disastrose per entrambi gli estremi dello spettro, a meno che le risorse non siano assegnate ai luoghi e alle cause che ne hanno più bisogno. Se c' è qualcosa in cui l'innovazione alimentare può essere mirata per fare del bene, questo deve essere sicuramente il posto giusto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here