Servono i big data per controllare i costi della sanità

L'Unione Europea investirà 24 miliardi di dollari in intelligenza artificiale entro il 2020, cercando di recuperare il ritardo rispetto all'Asia e agli Stati Uniti, che attualmente investono più del triplo rispetto al Vecchio continente.

Tra i settori che trarranno i maggiori benefici dalla promozione dello sviluppo dell'intelligenza artificiale vi è quello sanitario, un settore che si affida sempre più ai big data. Secondo un recente rapporto di Bri Research, i big data del mercato sanitario raggiungeranno 68,75 miliardi di dollari entro il 2025, con una crescita del 22,3% tra il 2017-2025.

Il rapporto è stato pubblicato prima che l'Ue annunciasse investimenti per 24 miliardi di dollari nell'Ia; pertanto, il numero previsto di investimenti nel settore sanitario potrebbe essere ancora più elevato.

A livello regionale, il Nord America è il più grande mercato di big data nel settore sanitario e si prevede che raggiungerà i 31,12 miliardi di dollari entro il 2025 - con gli Stati Uniti che fanno la parte del leone, con il 91% della spesa nordamericana proveniente dal paese nel 2017.

Il mercato dei dati sanitari si sta aprendo rapidamente, con l'emergere di nuove opportunità in molti settori della sanità. Ibm attraverso Watson Health è stata in grado di studiare, valutare e classificare i grandi sistemi sanitari. Ibm ambisce a diventare un nome familiare negli ospedali di tutto il mondo. Tra gli obiettivi, la creazione di un sistema per memorizzare e condividere i dati delle immagini e collegarli con la cartella clinica del paziente nel sistema dell'organizzazione.

Ma non è solo negli ospedali che i dati dei pazienti vengono sfruttati e monetizzati. Per esempio, Eyecarrot Innovations ha sviluppato Binovi Cloud per generare dati costruiti per assistere i vision care provider con un sistema di screening universale che utilizzava un dispositivo mobile e una piattaforma cloud Saas per i professionisti del settore oculistico per eseguire gli esami necessari.

L'emergere di servizi basati sul cloud e di modelli di abbonamento ha notevolmente ridotto gli investimenti iniziali e lo sviluppo di infrastrutture necessari per la gestione dei dati di grandi dimensioni. Pertanto, con i notevoli investimenti e i progressi che saranno realizzati nell'Ia, un aumento del tasso di adozione dei dispositivi indossabili, della mHealth e dei servizi di eHealth potrebbe solo aumentare ulteriormente la quantità di dati dei pazienti disponibili per la ricerca.

Secondo Bri Researchi big data del mercato sanitario saranno guidati dall'urgente necessità di controllare l'aumento dei costi sanitari e di migliorare i risultati per i pazienti e la gestione delle risorse. I servizi di analisi hanno fatto la parte del leone con 5,80 miliardi di dollari nel 2017. L'analisi clinica sarà una priorità d'investimento per la maggior parte degli ospedali a causa dei requisiti normativi per fare un uso significativo dei dati sanitari, la necessità di ridurre gli errori medici, e per migliorare la gestione della salute della popolazione.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here