Bene il secondo quarter di Ibm

Aiutata anche dalla debolezza del dollaro, la società mette a segno crescite a due cifre in molti segmenti di attività e alza le stime sull’intero anno.

Nel secondo trimestre dell'esercizio fiscale in corso, Ibm ha registrato un fatturato di 26,7 miliardi di dollari e utili per 3,7 miliardi, pari a tre dollari per azione, in crescita del 12 per cento anno su anno.
Grazie anche alla debolezza del dollaro, i risultati portano la società ad alzare le stime per l'intero esercizio, con una previsione di chiusura d'anno con utili per 13,25 dollari per azione.

A guidare la crescita della trimestrale il comparto software: bene tutta l'area delle analytics, mentre sul fronte cloud la società si attende un raddoppio entro la fine dell'anno.
Il fatturato relativo a questo segmento di attività si attesta a 6,2 miliardi di dollari, in crescita del 17% anno su anno, mentre la sola area middleware, che include WebSphere, Tivoli, Lotus e Rational, registra un incremento del 21% a 3,9 miliardi di dollari.

Il segmento servizi ha a sua volta registrato un incremento del 10% anno su anno: i servizi tecnologici crescono dell'11% a 10,2 miliardi di dollari, i business service del 9% a 4,9 miliardi e i global service chiudono a 2,2 miliardi di dollari.

Quanto all'hardware, cresce complessivamente del 17% a 4,7 miliardi con un utile di 393 milioni di dollari. Bene sia il fronte System z, sia il fronte Power system.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here