Bea WebLogic Server stabilisce nuovi record

L’application server della casa californiana dimostra performance quasi doppie rispetto ai precedenti test mondiali.

12 dicembre 2003 Bea ha reso noto che il suo WebLogic Server1 ha stabilito due nuovi record di performance, utilizzando test di benchmarking basati sullo standard SpecjAppServer2002. Si tratta di una specifica sviluppata e validata da un ente indipendente, pensato per misurare le performance degli application server sui quali girano le applicazioni aziendali Java. I due banchi di prova prevedevano, rispettivamente, il WebLogic Server installato su un server Hp Integrity Superdome basato su processore Itanium 2, con sistema operativo Hp-Ux da un lato, e su un Hp Superdome 9000 basato su processore Pa-Risc sul quale girava un sistema operativo Hp-Ux dall'altro. I risultati del benchmark hanno quasi raddoppiato i precedenti record mondiali. “Il benchmark dell'Hp Integrity Superdome - ha tenuto a precisare Eric Stahl, direttore marketing di prodotto di Bea Systems - dimostra come i clienti possano avvantaggiarsi dei benefici della scalabilità verticale di questi server e, parallelamente, della flessibilità di un'architettura che sfrutta le diverse partizioni di database server e server logici. Questa dimostrazione di scalabilità diagonale è il risultato unico della forte partnership che lega Hp e Bea”. I dettagli completi dei test sono disponibili presso il sito www.spec.org.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here