Bauli virtualizza con Citrix

Partita nel 2010 con l’aggiornamento hardware di Bauli, storico marchio di prodotti da forno fondato a Verona nel 1922, Personal Data ha implementato Citrix XenApp su piattaforma XenDesktop e proposto, nel medesimo anno, una serie di terminali Praim con sistema operativo Linux customizzato e Citrix Receiver.

In questo modo, la società che di Citrix è Platinum Solution Advisor ha affrontato le complessità di un Gruppo che, cresciuto dal 2004 al 2013, accorpando a sé F.B.F., Doria, i marchi Motta, Alemagna, Tartufone Motta, Trinidad e Gran Soffice e l’annesso sito produttivo di San Martino Buon Albergo (VR), acquistati nel 2009 da Gruppo Nestlé, per finire nel 2013 con Gruppo Bistefani, necessitava di rivedere la propria organizzazione informatica.

Da XenDesktop a XenMobile Advanced Edition

Una volta finalizzata, nel 2014, proprio l’acquisizione di Bistefani e connessi i 70 utenti di quest’ultima ai sistemi It di Bauli nel giro di pochi giorni, Personal Data ha lavorato per estendere i vantaggi dell’architettura Citrix XenDesktop anche ai dispositivi mobili utilizzati in azienda, con l’obiettivo iniziale di distribuire applicazioni in remoto per supportare gli utenti in mobilità.
Da qui l’implementazione di Citrix XenMobile e Citrix XenMobile Advanced Edition che, oggi, permettono a oltre 150 utenti di visualizzare le medesime applicazioni pubblicate da XenApp direttamente sui propri device, ai quali, a breve, Bauli ha intenzione di aggiungere un altro centinaio di licenze destinate al team di vendita.
Una volta fatte rientrare tutte le applicazioni business critical nell’infrastruttura di XenMobile, nel corso del 2015, il Gruppo che conta 170 tipologie di prodotto, oltre 1.200 dipendenti su quattro stabilimenti produttivi, ha optato per l’implementazione di NetScaler per mettere in sicurezza SSL le connessioni esterne mobili per la parte XenMobile.
La medesima architettura centralizzata è, infine, risultata funzionale anche per la gestione di Sap Hana nelle sedi periferiche e sui già citati stabilimenti produttivi del Gruppo.

Macchine virtuali per picchi di domanda da gestire

A oggi, nella realtà di cui Pierangelo Chiappini è direttore dei Sistemi Informativi, si lavora per l’upgrade di XenApp 6.x verso XenDesktop 7.8 utile a mettere a frutto tecnologie, quali il “Machine Creation Service” che consente la creazione dinamica di macchine virtuali a fronte di una richiesta massiccia di erogazione di servizio di pubblicazione applicazioni.
Making_Pandoro_at_the_Laboratorio_BauliUn elemento non da poco per chi, come Bauli, arriva a produrre, in determinati periodi dell’anno, oltre 15 milioni, tra pandori e panettoni tradizionali, e oltre 8 milioni, tra colombe tradizionali e uova di cioccolato.
In questi casi, la nuova funzionalità consente di raddoppiare in pochi clic le macchine virtuali per potenziare adeguatamente il servizio, evitando blocchi sul flusso dati.

A sua volta, la procedura di Host Integration di prossima implementazione permetterà a XenDesktop di dialogare direttamante con l’HyperVisor del cliente, mentre l’installazione di AppDisk di Citrix consentirà di installare le applicazioni direttamente all’interno di Virtual Disk dedicati.
Infine, nel prossimo futuro, l’utilizzo di NetScaler verrà allargato a XenDesktop consentendo di passare sullo stesso Virtual Appliance Citrix le connessioni Mpls e Internet dei depositi e dei magazzini periferici: strutture fondamentali per il business di Bauli, dato il loro ruolo chiave nel funzionamento della supply chain nei periodi di picco della domanda.

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here