Backup, lunga vita al nastro

Gli storage manager puntano sempre più su un approccio ibrido, disco più tape. L’opinione di Ultrium Lto.

Il tanto "vituperato" nastro continua a essere un media di riferimento per gli storage manager.

Secondo una ricerca commissionata da Lto Program (l'alleanza creata nel 1997 da
Hp, Ibm e Quantum per promuovere lo sviluppo della tecnologia Linear Tape
Open che si è tradotta poi nel formato Ultrium), il 60% dei professionisti It interpellati ritiene che una strategia di
storage ibrida (disco più nastro)
, sia quella a maggior ritorno, in termini di
prestazioni, protezione dei dati e controllo dei costi.

Il dato interessante è
che il prossimo anno il 37% si aspetta di usare più tape, contro il 24% del
2006.

«Insomma, la
strategia ibrida è quella che paga di più e il nastro è ancora lungi
dall'essere sostituito
" ha spiegato a 01net Bruce Master, Senior Program
Manager Data Protection di Ibm. Perché?
"Perché è facile da gestire, garantisce la cifratura dei dati, non
richiede training particolare, e le performance sono di tutto rispetto
».

Proprio sul versante
prestazioni, Lto Program ha recentemente annunciato la disponibilità delle
cartucce di quinta generazione (Lto-5), che secondo quanto comunicato offrono
una capacità di 3 Gb in modalità compressa (circa il doppio rispetto alla
versione precedente) e una velocità di trasferimento con il drive pari a 280
MB/sec.

La Generazione 5
rientra nella roadmap di Lto che prevede lo sviluppo di 8 generazioni
differenti: nelle prime cinque il tasso di compressione è 2:1 (quindi la capacità
nativa di di una cartuccia Lto-5 è pari a 1,5 Gb), mentre dalla 6 in poi il
tasso di compressione passerà a 2,5:1.

A partire dalla
Generazione 5, il drive segmenta il nastro in due partizioni che sono
accessibili indipendentemente, il che si traduce in un più veloce accesso e una
migliore gestione dei dati.

In
particolare una partizione si occupa dell'indicizzazione dei contenuti, mentre
la seconda memorizza i contenuti stessi.

La partizione viene gestita a livello
di sistema operativo (Linux, Mac Os o Windows) per cui il nastro viene visto
come se fosse a tutti gli effetti un disco esterno o una classica chiavetta Usb
(drag and drop incluso), con notevoli vantaggi in termini di usabilità.

«È un
importante passo avanti
- spiega Master - soprattutto per quelle piccole
aziende che non dispongono di tecnici It avvezzi con le problematiche di
organizzazione dello storage»
.

«Un altro
vantaggio della tecnologia Lto
- continua
Master - è che è open. Il consorzio definisce le specifiche tecniche che
sono libere, dopodiché sono i produttori a tradurre queste specifiche in
prodotti e soluzioni
».

Giusto per fornire un esempio, la cifratura è
definita a livello di specifiche a partire dalla generazione 4 (questo
significa che se inserisco una cartuccia cifrata 4 all'interno di un drive
Lto-3 non verrà riconosciuta). Sta poi al fornitore decidere se implementare
questa specifica all'interno della sua soluzione o meno.

Attualmente sono
diversi i vendor che hanno abbracciato la tecnologia Lto, fra cui Exabyte,
Fujitsu, Hitachi, Imation, Maxell, Nec, Sony, Sun, Tdk, Verbatim.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here