Auto a guida autonoma al cospetto delle regole

Nello sviluppo di veicoli a guida autonoma non ci sono solamente imprese concorrenti tra loro: anche gli Stati con forti industrie automobilistiche e tecnologiche, consapevoli degli enormi interessi economici che accompagnano l'emergere di automobili senza conducente, sono in competizione.

Ognuno di essi vuole consentire ai suoi campioni di posizionarsi bene in questo nuovo mercato e nel suo ecosistema locale per attrarre investimenti. Per guadagnare posizioni lavorano sul fronte delle regole.

Come hanno fatto quest’anno Stati Uniti, Germania e Giappone che hanno deregolamentato i test dei veicoli a guida autonoma sulle strade pubbliche.

Arizona libera per le auto a guida autonoma

Gli americani, pionieri del settore, si sono spinti oltre. Anche prima che la legislazione nazionale prendesse forma, diversi Stati erano in anticipo. Già nel 2016, Florida ha autorizzato il collaudo di veicoli autonomi senza conducente a bordo. In Arizona, le autorità hanno scelto il laissez-faire.

Considerano le auto a guida autonoma come qualsiasi altro veicolo, purché siano immatricolate, immatricolate presso un conducente che ne assume la responsabilità e assicurato. Waymo è la prima azienda a sfruttare questa opportunità: il 7 novembre la filiale di Alphabet ha annunciato di aver iniziato a collaudare i suoi veicoli autonomi autonomi con solo un un ingegnere seduto sul sedile posteriore.

Per mettere ordine nelle varie legislazioni locali, la Camera dei Rappresentanti ha approvato una legge nel mese di settembre, il Self Drive Act, ora all'esame del Senato, che consente un aumento dei veicoli autonomi sulle strade degli Stati Uniti negli anni a venire. Dovrebbe essere votata senza difficoltà dal Senato, i cui membri della maggioranza e dell'opposizione in seno alla commissione per il commercio hanno approvato il testo all'inizio di ottobre.

Gli inutili ostacoli normativi

Una volta che questa legge sarà attuata, gli Stati non potranno più regolamentare la progettazione, la costruzione e le prestazioni dei veicoli autonomi. Le aziende del settore potranno allontanarsi dalle consuete norme di progettazione dei veicoli, come la presenza obbligatoria di volante e pedali, a condizione di aver ottenuto un'esenzione dal US highway traffic services constable (Nhtsa).

Soprattutto, la Nhtsa, che finora ha potuto concedere solo 2.500 esenzioni, potrà ora concedere fino a 50.000 esenzioni per produttore nel primo anno successivo all'entrata in vigore della legge, poi 75.000 nel secondo anno e 100.000 nel terzo anno. Nel frattempo, le autorità di regolamentazione in California, dove circa quaranta aziende stanno testando veicoli autonomi nello spazio pubblico, hanno deciso di autorizzare il collaudo di veicoli autonomi senza umani a bordo da giugno 2018. Per completare il quadro, la Nhtsa ha avviato a fine ottobre una consultazione per individuare "inutili ostacoli normativi" allo sviluppo di veicoli autonomi,"in particolare quelli che non sono dotati di comandi adeguati ad un conducente umano".

Guida autonoma nel resto del mondo

Altri paesi seguono da vicino gli Stati Uniti. Il Giappone ha varato lo scorso aprile nuove norme sui test dei veicoli autonomi che consentono l'uso di veicoli senza esseri umani a bordo, ma che devono essere monitorati e controllati a distanza.

Nel mese di maggio la Germania ha approvato una legge sui veicoli autonomi. Richiede ancora la presenza a bordo di un essere umano, ma consente di effettuare test tecnologici che consentono al conducente di fare qualcos'altro mentre è in viaggio e non gli impone di tenere le mani sul volante. Ciò corrisponde al livello 4 (su 5) di autonomia.

E in Francia? Le aziende che testano veicoli in Francia, come Psa e Renault, devono chiedere una deroga al ministero dell’ecologia (che comprende anche i trasporti). Dalla fine del 2014 ne ha concesse più di quaranta. Ma il quadro attuale è destinato a cambiare: l'automobile autonoma fa parte delle discussioni sulla mobilità e il governo deve presentare la sua strategia in questo settore. Alla fine di ottobre è stato inoltre creato il posto dell'Alto rappresentante per lo sviluppo dei veicoli autonomi che sta preparando un'evoluzione normativa per facilitare e ampliare le opportunità di sperimentazione per la fine di quest’anno. Ma ci sarà sempre un essere umano a bordo.

Anche il Regno Unito si sta adeguando: il governo britannico, che intende autorizzare le auto driverless a partire dal 2021, sta preparando una riforma dell'assicurazione autoveicoli per consentire a tutte le parti di essere coperte in caso di incidenti che comportino una guida automatizzata. E il Giappone e ha fissato il 2020 come obiettivo per la commercializzazione di veicoli senza conducente, in modo che l'industria sia pronta per le Olimpiadi di Tokyo.

Non è un caso che questi tre paesi si muovano così velocemente: non sono vincolati dalla Convenzione di Vienna sulla circolazione stradale. Gli Stati Uniti e il Giappone non l' hanno mai firmata, mentre il Regno Unito non l'ha ratificata. Tale convenzione non consente, in un contesto commerciale, di andare oltre il livello 2 di autonomia, vale a dire i semplici sistemi di assistenza alla guida. Così le previsioni parlano di una patente di guida di livello 3 (guida automatizzata, mani sul volante e attenzione del conducente su strada, ndr) verso il 2020. E mentre Francia e Germania dipendono dagli oneri della riforma internazionale all'Onu per consentire veicoli semi-autonomi sulle loro strade, gli Stati Uniti, il Regno Unito e il Giappone sono sovrani in questo campo e saranno in grado di legalizzare veicoli completamente autonomi ogni volta che lo riterranno opportuno.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here