Atos supporta le aziende nella migrazione su Google Cloud

Con Open Hybrid Cloud Atos mette a disposizione delle aziende una soluzione fully-managed on-premise che consente di migrare dalle operazioni tradizionali a quelle cloud native in modo facile e veloce, accelerando il passaggio a una strategia di cloud ibrido.

La soluzione à basata sulla nuova piattaforma Anthos di Google Cloud e sugli open source Kubernetes e OpenStack, adotta la tecnologia Hybrid Cloud che permette una maggiore efficienza operativa e una più rapida implementazione delle applicazioni, garantendo la massima sicurezza.

Open Hybrid Cloud aggiunge le funzionalità Infrastructure-as-a-Service (IaaS) di Atos ed è in grado di eseguire Kubeflow on-premise, sfruttando le capacità di intelligenza artificiale e di machine learning di Google Cloud.

Come fornitore di servizi di sicurezza gestiti (MSS) Atos mette a disposizione esperienza e competenze nel coordinamento e nella gestione end-to-end del cloud, soddisfacendo i requisiti di accesso e controllo richiesti dalle normative europee e mondiali.

Tema importante quello della compliance, tanto che Giuseppe Di Franco, CEO Central Eastern Europe & Italy sottolinea come “Coniugando la competenza e le capacità di integrazione di Atos con la tecnologia Google Cloud aiutiamo le aziende a crescere in un ambiente innovativo e affidabile, rispettando i regolamenti globali".

La modularità delle soluzioni di identity and access management e i servizi di crittografia di livello militare consentono alle aziende di mantenere la completa gestione dei propri dati, migliorando la sicurezza e la fiducia nei processi aziendali e nelle applicazioni che li supportano.

Dall'inizio della sua partnership globale con Google Cloud, avviata adaprile dello scorso anno, Atos ha siglato numerose partnership con importanti clienti Google Cloud operativi nei settori industriale, farmaceutico e delle telecomunicazioni.

L'accesso alla versione Beta di Open Hybrid Cloud è disponibile sin da ora mentre il rilascio della versione completa è previsto nella seconda metà dell'anno solare 2019.

Per Eric Grall, Senior Executive Vice President, Global Operations at Atos.“Open Hybrid Cloud accelera il passaggio alle nuove potenzialità offerte dal cloud ibrido basato su Anthos perchè consente alle aziende di sfruttare tutti i vantaggi di entrambe le offerte, come agilità, velocità di implementazione, flessibilità e ottimizzazione dei costi, su una piattaforma sicura e gestita,”

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome