Assoprovider ci prova con Landolfi

Rinnovata la richiesta per il Wi-fi.

Cambia il ministro delle Comunicazioni e immediatamente l'Assoprovider,
l'Associazione dei provider indipendenti, invia un'altra lettera per ricordare a
Mario Landolfi che loro sono sempre in attesa della regolamentazione dell'ultimo
miglio per il Wi-fi.
Forse intimoriti dalla promessa di Landolfi che
mercoledì dovrebbe dare i nomi delle aziende che inizieranno la sperimentazione
per il WiMax, un'altra tecnologia di trasmissione wireless, i provider rinnovano
al neoministro la richiesta di liberalizzare completamente l'impiego delle gamme
di frequenze non protette dei 2,4 e dei 5 GHz per dare finalmente il via alla
sperimentazione anche fuori dagli edifici dopo che un precedente regolamento
aveva dato l'ok per l'utilizzo indoor del Wi-fi.
I provider si chiedono
perché tanto interesse nel WiMax “standard ancora in fase di
definizione
” quando esistono già esperienze positive relative al Wireless
fidelity.
Si consideri fra l'altro - recita la lettera aperta -
che ormai ogni pc portatile ha a bordo una scheda per connettersi in Wi-fi,
mentre il WiMax e' ancora in fase di sviluppo
”.
Chiarezza
sull'interpretazione delle norme, libero uso delle frequenze delle bande non
protette R-Lan e Hyper-Lan (2,4 e 5 GHz) sia in modalità punto-multipunto
(offerta di servizio alle utenze fisse) che punto-punto (offerta di servizio al
pubblico e trunking tra sedi e stazioni base dell'operatore); nessun costo di
licenza né per l'operatore né per l'utenza; nessuna limitazione sulle aree di
copertura né geografiche né territoriali e sulla tipologia di servizi Ip offerti
con tecnologia wireless sono le richieste dei provider che qualche settimana fa
avevano inviato una lettera simile al precedente ministro Gasparri.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here