Food delivery: Amazon investe su Deliveroo

Oltre a milioni provenienti dagli investitori esistenti (T. Rowe Price, Fidelity Management e Research Company, e Greenoaks) a Deliveroo, la piattaforma inglese di food delivery, presente anche in Italia, arrivano quelli firmati Amazon.

Amazon è infatti il maggiore investitore dei 575 milioni di dollari (450 milioni di sterline) dell'ultima operazione di fund raising (serie G) di Deliveroo, che portano l'investimento totale sulla società a oltre 1,5 miliardo di dollari.

Dal lato della società londinese l'investimento verrà impiegato per far crescere la proposta della piattaforma di consegna.

Lo farà a partire dal backend, ossia la struttura dove opera il team di sviluppo di Deliveroo, passando per il contenuto, ossia il cibo, per arrivare al vero e proprio sistema di consegna, ossia sul fronte della supply chain, che è quello in cui Amazon ha senz'altro più esperienza.

In questo senso la collaborazione interessata di Amazon con Deliveroo potrebbe diventare un laboratorio operativo per la realizzazione di servizi di qualità.

Will Shu, fondatore e CEO di Deliveroo, in una nota ha dichiarato che "questo nuovo investimento aiuterà Deliveroo a crescere e a offrire ai clienti ancora più scelta, su misura per i loro gusti personali, offrendo ai ristoranti maggiori opportunità per crescere e per espandere le loro attività, creando un lavoro più flessibile e ben retribuito per i rider. Amazon è stata un'ispirazione per me personalmente e per l'azienda, e non vediamo l'ora di collaborare con un'organizzazione così ossessionata dal ruolo dei clienti. Questa è una grande notizia per i settori della tecnologia e della ristorazione, e contribuirà a creare posti di lavoro in tutti i paesi in cui operiamo".

Un altro fronte di analisi dell'operazione riguarda i concorrenti diretti di Deliveroo, ossia Uber, Just Eat, Foodora, Glovo, che da un lato possono guardare con preoccupazione la scelta fatta da Amazon, dall'altro potrebbero a propria volta essere attori di partnership.

Ma alla base di tutto c'è la questione "rider". Va infatti capito come l'investimento di Amazon nel lungo periodo influirà sulla vita e sul modo di lavorare delle persone che oggi sono l'essenziale componente umana del sistema di consegna di Deliveroo, come delle altre piattaforme di food delivery.

Volendo interpretare l'operazione di investimento di Amazon, è infatti sul fronte della automazione delle consegne che si potrebbe giocare la partita futura della supply chain e non solo nel campo del food delivery.

Deliveroo opera in oltre 500 città in 14 paesi: Australia, Belgio, Francia, Germania, Hong Kong, Italia, Irlanda, Paesi Bassi, Singapore, Spagna, Taiwan, Emirati Arabi Uniti, Kuwait e Regno Unito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome