All’Europa piace Rfid

Un finanziamento di 12 milioni di euro spingerà la ricerca continentale a trovare un modo più economico per diffondere il riconoscimento a radiofrequenza.

26 marzo 2004

L'Unione Europea ha finanziato un progetto teso a sviluppare un processo di costruzione di circuiti elettronici basato sui polimeri.


Il progetto, chiamato PolyApply, comprende anche lo sviluppo a basso costo di chip per applicazioni Rfid (riconoscimento a radio frequenza),


La Commissione Europea, nel quadro del Sesto programma di ricerca e sviluppo tecnologico, ha stanziato 12 milioni di euro per finanziare un gruppo di 20 realtà, fra produttori e organizzazioni di ricerca per concretizzare il progetto entro il 2007. Fra queste, la svedese Acreo, le tedesche Infineon Technology e Siemens, l'olandese Philips Electronics e la franco-italiana St Microelectronics.


Le società lavoreranno attorno al conceto di "ambient intelligence", che sottende un complesso di attività per l'integrazione di funzioni elettroniche (come il sensing, il computing e lo storage) in un'ampia gamma di materiali, per renderli capaci di comunicare tramite tecnologia a radio frequenza.


In ciò i sistemi basati sui polimeri giocano un ruolo chiave. I costruttori di chip tradizionali, allora, declineranno le loro conoscenze maturate sul fronte del silicio, verso nuovi materiali e dispositivi che dovrebbero poter essere costruiti a costi più bassi, tali da consentirne un utilizzo diffuso sui beni di consumo.


L'annuncio del finanziamento europeo arriva contemporaneamente a una ricerca di Evans Data condotta su 450 sviluppatori mondiali di soluzioni a base Rfid e che ha scoperto che il 30% di loro utilizza la tecnologia a radio frequenza per creare applicazioni di sicurezza, e che solo il 20% la usa per classiche operazioni di tracciamento (inventario). L'esito della ricerca ha sorpreso gli stessi analisti, che quantomeno si attendevano percentuali rovesciate.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here