Perché Alexa si appresta a dominare il mercato

Alexa for business

Qualche anno fa si diceva che i chatbot avrebbero dovuto prendere il sopravvento come via principale per interagire con Internet, ma ancora non si conosceva Alexa.

Non è andata ancora così e i chatbot ne hanno ancora di strada davanti da percorrere. L’idea era che la rivoluzione chatbot sarebbe stata guidata da Facebook M e Google Now.

Invece, le killer application sono l'interazione vocale vivavoce e l'ubiquità, ossia i principali punti di forza della piattaforma Amazon Alexa.

Così nel frattempo Facebook M è terminato e la società pensa di chiudere il servizio M chatbot oggi, 19 gennaio.

Facebook M, lanciato nell'agosto 2015, è stato sperimentale, disponibile solo a 10.000 persone nella Silicon Valley. Quando M mosse i primi passi si presumeva che rappresentasse il futuro di come i chatbot avrebbero funzionato. M era un assistente virtuale basato su chatbot con licenza di agenzia, il che significava che poteva comprare cose per conto tuo, inviare regali e prenotare prenotazioni.

Il chatbot di Facebook

Facebook voleva vedere come le persone potevano naturalmente utilizzare un chatbot di assistente virtuale un po' aperto. Per questo ha cercato di soddisfare le richieste utilizzando uno staff di persone, che addestravano anche l'intelligenza artificiale in modo che nel tempo le macchine potessero subentrare alle persone, dando luogo a un servizio automatizzato. Facebook però oggi sa quello che non sapeva all' inizio. Che lo stato dell’intelligenza artificiale non è pronto per imparare a diventare un agente multiuso chatbot capace di uscire nel mondo e fare le cose per un gran numero di persone.

Non è una sorpresa che lo stesso giorno che abbiamo appreso della scomparsa di Facebook M, abbiamo anche saputo che la società di Zuckerberg sarebbe in procinto di uscire con un dispositivo Amazon Echo Show-like per i consumatori chiamato Facebook Portal.

L'azienda prevede una presentazione a maggio del dispositivo (in occasione della conferenza degli sviluppatori), con un rollout a 499 dollari nella seconda metà dell'anno. Si dice che il dispositivo Portal disponga di una telecamera e autenticherà gli utenti in base alla tecnologia di riconoscimento facciale.

Google Now dentro search

Anche Google Now è finito, ma qualche anno fa nei circoli tecnologici veniva considerato l'assistente virtuale più sofisticato. Google Now è stato introdotto in Android nell'estate del 2012. La cosa migliore erano le schede di visualizzazione che apparivano per avvisarvi delle cose (invece che aspettare che le chiedeste). Google Now ha usato la posizione, il calendario e, soprattutto, i messaggi Gmail per capire che tipo di aiuto aveva bisogno l’utente. Uno dei suoi trucchi migliori è stato quello di vedere sul vostro calendario dove stavate andando, controllare la vostra posizione attuale, controllare il traffico tra quelle località, e darvi consigli su quando andare.

La funzione Google Now esiste ancora nell'app mobile di Google e altrove, ma queste caratteristiche sono ora considerate un sottoinsieme di Google Search, mentre Google si concentra sul suo Assistant chatbot. Nel frattempo, la caratteristica più cool di Google Assistant è l'interiezione, il che significa che presterà attenzione alle conversazioni in Allo (l’app di messaging) e dare suggerimenti basati su queste. Purtroppo, quasi nessuno usa Allo, e quindi gli stupefacenti poteri di interiezione dell' Assistente di Google sono in gran parte sconosciuti e generalmente inutilizzati dal grande pubblico.

Proprio come Facebook ha ucciso M e sta lanciando un dispositivo Amazon Echo-like, Google sta mettendo la maggior parte della sua energia in Assistant come l'intelligenza dietro i propri dispositivi Amazon Echo-like Home. Il denominatore comune è Amazon Echo e il suo assistente virtuale Alexa.

Il successo di Alexa

Un paio di anni fa, Amazon Alexa è stato considerato il chatbot più debole e meno sofisticato assistente virtuale sul mercato. (Sicuramente, MS-Dos e, più tardi, Microsoft Windows avevano inizialmente avevano una reputazione simile). Anche con Alexa era possibile fare acquisti, ma si tratta di un fattore secondario. Secondo uno studio Experian dell'anno scorso, meno di un terzo dei proprietari di Echo intervistati ha mai comprato qualcosa attraverso Alexa.

La stragrande maggioranza dei compiti includono l'impostazione di un timer, la riproduzione di una canzone, la lettura delle notizie, il controllo del tempo - in realtà, le funzioni più elementari di uno smartphone reso conveniente dall'interazione vocale.


Eppure Amazon sta chiaramente dominando il mercato
. Il CES ha dimostrato che l'industria sta seguendo il cammino di Amazon.

Alexa è apparso all'interno di proiettori, plafoniere, auto, bicchieri, docce, lavatrici, auricolari, altoparlanti - e anche pc Windows 10. L' unica azienda che è ancora vicina a tenersi al passo è Google con il suo Assistant, e questo perché Google sta seguendo la formula Alexa.

Questa è la formula Alexa. Dimenticare il testo scritto; concentrarsi interamente sull'interazione con parola orale.
Vendere una vasta gamma di dispositivi hardware utilizzabili dai consumatori di tutti i giorni.
Incoraggiare e incentivare fortemente le integrazioni di terze parti attraverso il kit Alexa Skills Kit.
Incoraggiare fortemente l'integrazione hardware di terze parti attraverso i suoi kit di sviluppo per il servizio vocale Alexa Voice Service.
Incoraggiare fortemente l'adozione da parte delle imprese attraverso il programma Alexa for Business

La formula Alexa implica che non è necessario che un assistente virtuale o chatbot faccia tutto, o che batti i concorrenti a livello tecnico. L'importante è che sia disponibile immediatamente ovunque.

In passato Microsoft ha dominato il mercato IT controllando il sistema operativo (Windows) che la maggior parte delle persone e delle imprese utilizzavano, ora Amazon sta ora facendo qualcosa di simile con Alexa. Anche se Alexa non è nemmeno vicino a diventare importante come Windows, sta diventando il sistema operativo del futuro post-pc. E post-smartphone.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here