01net

Aggiornamento di Windows 10, istruzioni per l’uso

Come da calendario, Microsoft rilascia oggi 17 ottobre il nuovo aggiornamento per Windows 10, esattamente sei mesi dopo il precedente upgrade.

Diverse le novità che porta con sé il “nuovo” Windows 10. Ecco i miglioramenti che gli utenti aziendali e i professionisti It dovrebbero conoscere.

Migliore gestione dei file di OneDrive

Nelle versioni correnti di Windows 10, OneDrive appare come una cartella in Esplora file. Quando si inseriscono i file nella cartella OneDrive mentre si utilizza Windows 10 tramite un account aziendale o personale, tali file vengono caricati nel cloud.

Se si effettua l’accesso a un altro computer Windows 10 con lo stesso account, i file nella cartella OneDrive verranno scaricati in quel computer. L’accesso ai file da qualsiasi dispositivo Windows 10 è utile, ma questo tipo di sincronizzazione automatica potrebbe non essere conveniente se il dispositivo è connesso a un segnale Wi-Fi non sicuro (come in un  di un locale pubblico) o se si ha a disposizione poco spazio di archiviazione. Detto questo, è possibile limitare la sincronizzazione a determinate cartelle all’interno di OneDrive, ma attenzione perché qualsiasi cosa all’interno di queste cartelle viene sincronizzata.

Inoltre, se le cartelle e i file sono memorizzati solo online, non vengono visualizzati nella cartella OneDrive in Esplora file. Per vederli, è necessario fare clic con il pulsante destro del mouse sull’icona OneDrive nell’area notifiche della barra delle applicazioni e scegliere “Visualizza in linea” dal menu a comparsa; il browser predefinito si apre alla propria cloud OneDrive.

OneDrive nell’aggiornamento introduce una funzionalità chiamata OneDrive Files on-Demand, progettata per rendere più agevole la funzionalità di OneDrive.

Permetterà di impostare OneDrive in modo che non siano sincronizzati forzatamente i file memorizzati nella cloud di Microsoft con il dispositivo Windows 10 che si sta utilizzando e non sarà necessario lanciare un browser per accedere ai file online.

Saranno invece disponibili shortcut per i file online nella cartella OneDrive in File Explorer, ma i file non saranno sul dispositivo che si utilizza come impostazione predefinita. Se si fa doppio clic su una di queste shortcut, il file sarà scaricato e salvato sul dispositivo stesso.

È possibile modificare un file scaricato in un file esclusivamente online cliccando col tasto destro e selezionando “liberare spazio”. Ed è possibile contrassegnare alcuni file come “Tenere sempre su questo dispositivo”, se si desidera che siano sempre disponibili quando si è offline.

I file OneDrive On-Demand consentono di vedere tutti i file online ma non saranno scaricati sul dispositivo a meno che l’utilizzatore non lo desideri. Per gli SharePoint Team che collaborano su file online, Microsoft Onedrive file On-Demand contribuirà a ridurre l’utilizzo della larghezza di banda, perché i file non verranno scaricati o riscaricati su tutti i dispositivi sincronizzati ogni volta che viene aggiunto un nuovo file o viene apportato un cambiamento.

Protezione di exploit in stile Emet

Introdotto nel 2009, Microsoft Enhanced mitigation experience toolkit (Emet) è uno strumento gratuito che riconosce i difetti di sicurezza nei sistemi Windows e cerca di prevenire il codice maligno utilizzando una varietà di tecniche. Principalmente orientato all’impiego aziendale, Emet è stato per molti anni un valido strumento per i professionisti It nella protezione dei sistemi utente.

Ma con Windows 10, Microsoft ha iniziato a curare meglio le protezioni di sicurezza nel sistema operativo, rendendo disponibili con maggiore frequenza gli aggiornamenti importanti e invitando i suoi clienti a trasferirsi sul nuovo sistema operativo anziché utilizzare Emet con una versione precedente di Windows. Anche se è ancora possibile installare ed eseguire Emet in Windows 10, Microsoft ha ufficialmente annunciato la data di fine vita che arriverà il 31 luglio 2018.

Tuttavia, nel prossimo aggiornamento sono previste molte delle protezioni di Emet. In particolare parliamo di Windows defender exploit guard che sarà parte di Windows defender advanced threat protection, il servizio di sicurezza aziendale di Microsoft. Con Exploit Guard, saranno bloccate le minacce come macro pericolose di Office o siti web che diffondono malware.

Protezione da ransomware

Sebbene la maggior parte dei sistemi interessati dai ransomware utilizzi versioni precedenti di Windows, Microsoft sta rafforzando le protezioni contro queste minacce.
Una nuova funzionalità dell’aggiornamento è stata progettata per impedire a questi malware di bloccare i file personali degli utenti.

Il Centro di protezione di Windows Defender avrà un tasto chiamato “Accesso cartella controllata”. Quando è attivato, solo le applicazioni consentite permetteranno di accedere e modificare i file nelle cartelle Desktop, Documenti, Musica, Immagini e Video. Se un’applicazione non approvata cerca di accedere a queste cartelle, Windows 10 invierà un avviso.
L’opzione “Accesso alla cartella controllata” in Windows defender security center consente di limitare le applicazioni che possono accedere e modificare i file memorizzati in cartelle protette.

Protezione della macchina virtuale per Edge

Windows defender application guard per Microsoft Edge è una nuova funzionalità di protezione per proteggere i computer dagli attacchi zero day e da altri malware. Sarà disponibile solo per i computer che eseguono Windows 10 enterprise edition e Hyper-V.
Con Application guard abilitato, il browser Edge verrà eseguito normalmente quando l’utente entra in un sito attendibile, ad esempio un’applicazione interna. Ma quando l’utente entra in un sito non attendibile o sconosciuto, Application guard lancerà Edge all’interno di una macchina virtuale – essenzialmente una nuova istanza di Windows isolata dall’ambiente di lavoro normale dell’utente. Se il malware tenta di danneggiare il computer o la rete attraversando Edge, probabilmente non sarà in grado di causare danni perché sarà limitato alla Vm. Quando l’utente termina la sessione, il contenitore Vm e qualsiasi malware in esso vengono scartati.

Comunicazioni con un solo clic

My People aiuta a comunicare in modo facile con le persone presenti nell’elenco contatti, consentendo di inserire icone per alcuni contatti nella barra delle applicazioni. Tramite un clic sull’icona di un contatto si entra in comunicazione con la persona tramite e-mail, instant messaging o chat video.

Il monitoraggio della Gpu nel Task Manager

Il Task manager, uno strumento di vecchia scuola per la risoluzione di problemi di Windows e la conservazione delle schede sulle sue prestazioni. Con l’aggiornamento arriva qualche novità come mostrare lo stato dei processi di elaborazione grafica del computer nella scheda Performance. Inoltre è previsto l’elenco della dimensione della memoria della Gpu e l’utilizzo corrente, la versione del driver, la versione di DirectX in esecuzione e dove il processore è fisicamente situato sulla scheda madre del computer.
Le applicazioni utilizzate per visualizzare o creare contenuti ricchi di contenuti grafici – come presentazioni animate, video e documenti o fogli di calcolo con grafici 3D – potrebbero fare affidamento sulla Gpu e poter verificare il suo stato può aiutare a diagnosticare i problemi con le prestazioni complessive di un computer.

Limite di larghezza di banda di Windows Update

Questa funzionalità dovrebbe essere utile per gli amministratori di rete. Consiste nella possibilità di limitare la quantità di larghezza di banda che l’aggiornamento di Windows può utilizzare per scaricare automaticamente gli aggiornamenti per Windows 10 o condividere i file di aggiornamento con altri computer su una rete locale o su Internet.

L’opzione verrà elencata nell’applicazione Impostazioni in Ottimizzazione della consegna> Opzioni avanzate. Ci saranno tre cursori. I primi due consentiranno di regolare la quantità di dati di larghezza di banda che Windows Update può consumare durante i download e i caricamenti, che vanno dal 5% al ​​100%. Il terzo dispositivo di scorrimento coprirà i dati totali che Windows Update può caricare al mese, da 5Gb a 500Gb.

Power throttling per applicazioni in background

Per estendere la durata della batteria di computer portatili e di altri dispositivi mobili che eseguono Windows 10, l’aggiornamento farà diminuire l’utilizzo del sistema di applicazioni in esecuzione in background. Se un utente interagisce con un’applicazione o se un’app, ad esempio un riproduttore video è in esecuzione in primo piano, Windows dovrebbe riconoscere questa attività e dargli priorità alle risorse di sistema. In caso contrario, metterà applicazioni aperte che non vengono attivamente utilizzate, o eseguibili di sistema normalmente eseguiti senza interazione con l’utente, in una modalità efficiente per l’energia che aiuterà la batteria a durare più a lungo.
La funzionalità power-throttling attualmente funziona solo con Intel Skylake e processori più recenti ma in futuro potrebbe sostenere altri processori.

Nuove funzionalità di distribuzione

Pubblicato il 29 giugno, Windows AutoPilot consente ai responsabili It di configurare configurazioni di sistema personalizzate (incluse le applicazioni installate) da distribuire dalla cloud ai computer Windows 10 e alle altre periferiche aziendali. Un dipendente può prendere un nuovo computer e collegarlo alla rete dell’ufficio – e il dispositivo verrà configurato automaticamente alle esigenze dell’organizzazione.
L’aggiornamento prevede nuove funzionalità per Windows AutoPilot: distribuzione automatica per i dispositivi collegati a un dominio Active Directory e accesso automatico a Microsoft Intune, possibilità di assegnare una configurazione di sistema a un dipendente specifico e un meccanismo di ripristino per Windows 10 dispositivi già configurati tramite AutoPilot.

Installare localmente una macchina virtuale

Per gli utenti che eseguono Windows 10 Professional o Enterprise e Hyper-V, l’aggiornamento offre un modo semplice per installare una macchina virtuale da un file .iso o .vhd / .vhdx archiviato nel computer. Dal gestore Hyper-V, scegliere Azione> Crea rapida per avviare il pannello Crea macchina virtuale. Lì, facendo clic sul pulsante “Origine dell’installazione locale” è possibile caricare un’immagine della macchina virtuale memorizzata nel computer.