A che punto siamo nell’informatizzazione della Pa

Forum Pa, Consiel e Censis hanno presentato un Rapporto sullo stato dell’e-Government in 40 paesi. Gli autori fanno precedere il lavoro da una premessa incontrovertibile: i computer e la Rete fanno ormai parte del corredo delle dotazioni degli uffici p …

Forum Pa, Consiel e Censis hanno presentato un Rapporto sullo stato dell'e-Government in 40 paesi. Gli autori fanno precedere il lavoro da una premessa incontrovertibile: i computer e la Rete fanno ormai parte del corredo delle dotazioni degli uffici pubblici in tutti i paesi più avanzati, ma vi sono ancora divari significativi che vanno dal minimo del 14% della Grecia al 100% delle nazioni del Nord Europa, mentre la media dei paesi Ocse è del 75%.
Nel 2000, sebbene in Italia si sia registrata la tendenza ad un forte aumento, la diffusione di personal computer copre ancora solo il 23,1% della popolazione, contro il 76% della Svezia, l'83% dell'Islanda e il 79% della Danimarca, mentre è in forte crescita l'utilizzo di Internet nella Pa (40%), anche se il gap con Paesi come l'Australia, dove tutti gli uffici pubblici sono connessi al Web, è ancora consistente.
Per quanto riguarda la diffusione di Internet tra la popolazione, l'Italia è al 14mo posto con il Giappone, seguita da Germania (20,8%), Spagna (20%) e Francia (15%), ma continua ad essere indietro rispetto ai paesi scandinavi e agli altri più industrializzati, come Gran Bretagna (50%), Austria (46%), Svizzera (38%).
Internet è ancora poco diffuso nella Pa visto che solo il 50% degli uffici dell'amministrazione centrale sono dotati di computer e che il livello dell'utilizzo della rete è del 40%. Molto più diffuso il possesso dei Pc nelle amministrazioni locali (59,2%).
La classifica riferita alla diffusione nelle amministrazioni vede in testa Svizzera, Germania, Svezia, Finlandia, Gran Bretagna e Australia, mentre l'Italia si posiziona al 19mo posto, preceduta anche da Ungheria, Polonia e Belgio, dove il 60% degli uffici è dotato di Pc.
Se la diffusione dei mezzi informatici negli uffici della Pa italiana tarda ad affermarsi, almeno nella presenza sul Web siamo tra i più presenti. Infatti il 100% delle amministrazioni centrali ha un proprio sito (mentre la Germania raggiunge il 98%, Francia e Svizzera il 90% e la Norvegia il 75%) e anche il 93% delle amministrazioni locali italiane hanno aperto una finestra sulla Rete, a fronte del 66,4% del Giappone.
I siti di maggiore accessibilità ai cittadini sono quelli di Senato, Inps e Governo, ma la maggioranza delle istituzioni tende a fornire informazioni piuttosto che servizi: solo 8 siti dei 32 presi in esame raggiungono la sufficienza, il 31% dispone di modulistica compilabile on line, solo il 6,3% offre la possibilità di effettuare pagamenti telematici. Il ministero più efficiente è ancora quello delle Finanze (90,4 punti) seguito dall'Inps e dal Ministero del Lavoro. Per quanto riguarda la trasparenza, 12 siti su 32 raggiungono la sufficienza, il migliore dei quali è quello delle Politiche Agricole. Infine, per l'utilizzabilità, il più facile da usare è quello del Ministero della Sanità, seguito da Camera, Lavoro e Funzione Pubblica.
L'impegno del nostro Paese per quanto riguarda gli investimenti per lo sviluppo dell'e-government è notevole: sono previste spese per 6,65 milioni di dollari (sei volte più della Germania). Un impegno cui tiene testa solo il Giappone, con 10,3 milioni di dollari.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here