2 milioni di euro per l’accesso al credito delle pmi milanesi

A Milano Camera di Commercio, Comune e Provincia fanno sistema.

Se il 2009 è stato l’anno orribile per l’economia mondiale, il 2010, a sentire le previsioni degli esperti, non dovrebbe essere molto meglio: criticità del mondo finanziario, ripercussioni internazionali (Grecia e affini), tensioni geopolitiche e costo delle materie prime, chiusura di tante aziende, disoccupazione dilagante.
Risultato: bilanci aziendali in rosso, ulteriore stretta creditizia. Un contesto in cui le istituzioni non possono starsene alla finestra, per intraprendere azioni con l’obiettivo di salvare il salvabile. Spesso unendo le forze, proponendosi alle Pmi come interlocutore unico, cercando di fare sistema.

Come hanno fatto a Milano Camera di Commercio, Comune e Provincia che hanno stanziato 2 milioni di euro per l’accesso al credito delle piccole e medie imprese milanesi.

Vale la pena ricordare che il milanese è territorio ricco di piccole e piccolissime imprese, ben 300 mila, favoriti dall’iniziativa gli imprenditori che sono più impegnati a mantenere i livelli occupazionali, e l’innovazione.

Come hanno sostenuto i promotori dell’iniziativa, l’intervento ha un effetto moltiplicatore: con i fondi che intervengono sui tassi di interesse pagati dalle imprese al sistema bancario sarà possibile ottenere finanziamenti per circa 38 milioni di euro.

Piccola parentesi che riguarda i confidi, direttamente coinvolti nell’iniziativa. In base ai requisiti richiesti da Basilea II, l’anno scorso ai confidi si è richiesto di passare da una struttura mutualistica a una di veri e propri mediatori finanziari. Ad oggi in Lombardia i confidi che rispondono già al requisito sono appena 3, ma tutti o quasi stanno percorrendo l’iter per adeguarsi.
Per questo, tutti possono accedere alle iniziative per l’abbattimento delle tasse.
Il bando, che viene replicato dopo il buon successo dell’anno scorso, è così ripartito: 800 mila euro per le imprese che realizzano programmi di investimento: acquisto o rinnovo di immobili, impianti e attrezzature, acquisizione di aziende, marchi e brevetti; 400 mila euro per la riduzione del debito; 400 mila euro per la riqualificazione della struttura finanziaria e al miglioramento degli indici di liquidità con relativa riduzione delle passività bancarie a medio termine.

Per questi tre bandi, le domande vanno presentate esclusivamente per via telematica entro il 31 maggio 2010 attraverso il sito http://servizionline.mi.camcom.it/.
Per ogni pratica, il confidi garante provvederà alla trasmissione telematica della documentazione. Una novità di quest’anno è la tranche di 400 mila per la realizzazione di analisi orientate a migliorare la performance economico-finanziaria dell’azienda.

Per questa opzione, le domande vanno presentate dal 1 aprile 2010 al 31 marzo 2011 per posta raccomandata A/R o a mano alla Camera di Commercio di Milano, Ufficio Protocollo, via San Vittore Teatro, 14, 20123 Milano, o anche, per la sola consegna a mano, presso le sedi decentrate di Assago, Legnano, Magenta, Rho-Pero, Sesto San Giovanni. Per qualsiasi informazione: ufficio credito, 02.8515.4265; email credito@mi.camcom.it

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here