13/11/03 – APPLICAZIONI OPEN SOURCE PER LA PA

Luogo Palazzo dei Congressi – Roma Eur Durata 1/2 giornata Orario 12:00 – 18:00 Costo gratuito Organizzato da Iter, Via Rovetta 18 – 20127 MilanoTel 02 2831162 Fax 02 28311666info@iter.it Da qualche tempo si parla molto di software open source e/o libe

















Luogo


Palazzo dei Congressi - Roma Eur


Durata

1/2 giornata
Orario12:00 - 18:00
Costogratuito
Organizzato da

Iter, Via Rovetta 18 - 20127 Milano
Tel 02 2831162 Fax 02
28311666
info@iter.it



Da qualche tempo si parla molto di software open source
e/o libero (d'ora in poi FLOSS) per la Pubblica Amministrazione. Dopo una lunga
presenza in sordina nei sistemi informativi di un gran numero di PPAA, il FLOSS
è oggi al centro di un grande interesse politico e di una controversia accesa
che tocca anche concreti ed ingenti interessi economici. Gli analisti sono
sostanzialmente discordi su quasi tutto: dalla convenienza economica delle
soluzioni FLOSS, alla loro affidabilità, alla loro potenzialità di garantire
meglio i diritti delle amministrazioni e degli utenti, alla loro capacità di
fungere da volano per lo sviluppo di un tessuto di imprese ICT diffuse sul
territorio. Questa discussione, rimasta finora essenzialmente sul piano teorico
anche per la scarsità di realizzazioni effettivamente installate e funzionanti
nella PA, può oggi iniziare a cercare verifiche sul campo grazie all'esperienza
di diverse amministrazioni locali che stanno facendo da battistrada
nell'adozione del FLOSS in ambito applicativo.

L'obiettivo
dell'incontro è appunto una prima verifica con un gruppo di amministrazioni e di
imprese che sono passate dalle pure enunciazioni di
principio a favore del FLOSS alla fase operativa. Attraverso questa esperienza
cercheremo conferme e/o smentite sui principali temi di
discussione, esamineremo le lezioni apprese, gli aspetti positivi e i fattori di
criticità emersi, le valutazioni tecniche e politiche allo
stato dell'arte. Al tempo stesso l'incontro sarà un'occasione per cominciare a
comprendere quale può essere il contributo attivo della PA alla comunità degli sviluppatori e quali sono le capacità di diffusione
delle applicazioni FLOSS nel mondo pubblico, che si è dimostrato finora
poco permeabile ad altre modalità di riuso.





torna al mese di
NOVEMBRE...


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here